Ferrari F1 contraffatta diretta in Svizzera: scatta il sequestro della Gdf

Una replica di una Ferrari F1 Niki Lauda contraffatta è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza e dalla Dogana di Como. La monoposto, situata a bordo di un automezzo, era diretta in Svizzera. Al momento dei controlli, tuttavia, è risultata irregolare. L’esportatore è stato denunciato per l’utilizzo improprio del diritto di proprietà intellettuale della nota marca di auto da corsa. Le accuse sono di contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi, introduzione e commercio di prodotti con segni falsi.

ferrari
La Ferrari F1 Niki Lauda è stata posta sotto sequestro – meteoweek.com

I funzionari dell’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli della Sezione Operativa Territoriale di Ponte Chiasso e in accordo con i militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso, in provincia di Como, hanno disposto il sequestro di una replica di una Ferrari F1 Niki Lauda, risultata contraffatta. L’auto da corsa stava per essere trasportata in Svizzera su un automezzo, ma i finanzieri si sono accorti che qualcosa non andava. La descrizione della merce contenuta nei documenti doganali di scorta del trasporto, che riferivano la dicitura ‘modello show car in vetroresina’, infatti, hanno insospettito le autorità. Il controllo ha successivamente confermato le ipotesi.

Leggi anche -> Allarme baby gang: rapine e violenti pestaggi. 8 minorenni ai domiciliari

La replica aveva caratteristiche molto simili a quelle di una Ferrari originale. La scritta della marca era presente anche all’interno del contagiri posizionato sul cruscotto, proprio come nei modelli di F1. L’auto da corsa, tuttavia, non aveva la documentazione tale da essere legale. Una perizia effettuata da tecnici specializzati ha confermato che si trattava di un falso. L’esportatore – un imprenditore che risultava operante più che altro in attività del settore edile – è stato dunque denunciato per contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o prodotti industriali, introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi e vendita di prodotti industriali con segni mendaci. La monoposto è stata sequestrata.