Cosa cambia con il decreto di Putin sui pagamenti del gas [VIDEO]

Ascolta l'audio-articolo

L’ultimo decreto firmato dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin obbliga la banca di stato del Cremlino, la Gazprombank, a convertire in rubli qualsiasi pagamento ricevuto per l’acquisto del gas da parte dei paesi inseriti nella lista degli “ostili”, vale a dire tutti gli stati occidentali. Un provvedimento che arriva dopo giorni di scontro tra Putin e l’Europa, dopo che lo stesso presidente russo aveva annunciato che avrebbe obbligato i paesi “ostili” a pagare in rubli le forniture di gas.

Una minaccia che, se attuata, avrebbe violato i termini contrattuali in cui è previsto il pagamento in euro o in dollari, e che per questo è stata rifiutata nettamente da Bruxelles. La misura firmata da Putin giovedì pomeriggio intende dunque aggirare i contratti, in modo da salvare la faccia del presidente russo senza che cambi quasi nulla sul piano concreto.

decreto putin gas 20220401 meteoweek.com
Cosa cambia con il decreto di Putin sui pagamenti del gas [VIDEO] – www.meteoweek.com
Dal primo aprile infatti i paesi occidentali dovrebbero aprire due conti speciali presso la banca russa: uno in valuta straniera, l’altro in rubli. Il paese compratore acquisterebbe il gas in valuta straniera, i soldi verrebbero poi spostati dalla Gazprombank sul secondo conto in rubli, e una volta convertiti la banca verserebbe il pagamento sul proprio conto. Così gli acquisti risulterebbero in rubli, nonostante ai paesi compratori cambi poco in termini pratici.

Al momento non è ancora chiaro se la misura verrà accettata dall’Europa, e soprattutto se rispetta i termini contrattuali. In ogni caso, il decreto di Putin cambierebbe poco anche nell’economia russa: attualmente la Gazprombank è già obbligata a convertire in rubli l’80 per cento delle entrate in euro o in dollari, la nuova legge aggiungerebbe solo un 20 per cento, troppo poco per avere effetti significativi sull’economia.