Detenuto sparito insieme alla poliziotta, è giallo in Alabama: evasione premeditata?

Detenuto sparito insieme alla poliziotta, è giallo in Alabama: evasione premeditata? Le autorità non stanno escludendo nessuna pista, compresa quella in cui l’ufficiale abbia aiutato il carcerato a fuggire.

Le autorità dell'Alabama cercano il detenuto Casey White e l'ufficiale Vicky White - meteoweek 20220205
le autorità dell’Alabama cercano il detenuto Casey White e l’ufficiale Vicky White (foto via CNN) – meteoweek 20220205

Le autorità della contea di Lauderdale, in Alabama, stanno dando la caccia un ufficiale penitenziario e un detenuto accusato di omicidio, entrambi scomparsi nella mattinata di venerdì scorso. I due fuggitivi sarebbero Vicky White, in carico presso l’ufficio dello sceriffo della contea di Lauderdale, e il carcerato Casey White. Come spiegano dalla CNN, sarebbero stati visti per l’ultima volta intorno alle 9:30 di venerdì, quando l’ufficiale White ha fatto uscire il detenuto dalla prigione, presumibilmente per portarlo al tribunale della contea per una valutazione sul suo stato di salute mentale. Nonostante i cognomi, i due non sarebbero imparentati tra loro.

Ma il giallo qui si infittisce. Secondo quanto viene raccontato dallo sceriffo Singleton, Vicky White avrebbe detto a una guardia che avrebbe lasciato Casey White in tribunale, e avrebbe cercato assistenza medica dato che non si sentiva bene. Tuttavia, per la giornata di venerdì non era prevista alcuna visita, e il detenuto non è mai arrivato in tribunale.

L’ufficiale White potrebbe averlo aiutato a scappare

Anche l’ufficiale White sarebbe sparita: il suo veicolo, un’auto di pattuglia Ford Taurus del 2013, è stato avvistato nel parcheggio di un centro commerciale intorno alle 11 di mattina da qualcuno che era in pausa pranzo. Tuttavia, le autorità non si sono rese conto della loro scomparsa fino a diverse ore dopo. Gli agenti della prigione si sono preoccupati e hanno cercato di contattarla, ma il telefono sarebbe risultato sempre spento.

Secondo quanto spiegato dai media americani, il detenuto è pericoloso, e potrebbe essere armato. Potrebbe infatti essere entrato in possesso dell’arma dell’ufficiale White, “una pistola da 9 mm”. “Conoscendo il detenuto, penso che sia in pericolo indipendentemente dalle circostanze. Era in prigione per omicidio capitale e non aveva nulla da perdere”, ha spiegato Singleton. Del resto, il 38enne deve scontare 75 anni “per una follia criminale” che ha commesso nella contea di Limestone nel 2015.

Inoltre, già nel 2020 Casey aveva premeditato di scappare e di prendere una persona in ostaggio: in quell’occasione, però, il suo piano era stato scoperto in tempo, ed era stata messa in atto contro di lui una politica maggiormente restrittiva. Dal canto suo Vicky White, che coordina tutti i trasporti dal centro di detenzione al tribunale, conosceva bene il protocollo. Per questo motivo, le autorità non stanno escludendo alcuna pista – inclusa quella che vede la stessa ufficiale aiutare il detenuto nella sua fuga.

Che lo abbia fatto di sua spontanea volontà, o che sia stata minacciata, questo è ancora tutto da valutare. “Non sappiamo realmente se lo abbia aiutato o meno. E non potremo finché non troveremo la prova assoluta di quello che è successo. A questo punto pensiamo che sia stata presa contro la sua volontà, sempre che non salti fuori qualche indizio che dimostri il contrario”, ha raccontato ancora lo sceriffo Singleton.

“Vicky White è sempre stata un’impiegata esemplare”

Nel frattempo, le autorità stanno ancora cercando e indagando su qualsiasi tipo di interazione avvenuta tra l’ufficiale penitenziario e Casey White, oltre che su eventuali telefonate. Le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza, installate nell’area in cui è stata trovata l’auto di Vicky White, non hanno mostrato i due salire su un altro veicolo.

La donna, comunque, è stata definita come “un’impiegata modello” nell’ufficio dello sceriffo, e ha sempre fatto “un lavoro straordinario”. “Tutti i suoi colleghi, tutti i dipendenti dell’ufficio dello sceriffo, i giudici, hanno tutti il ​​massimo rispetto per lei. Non ha alcun tipo di precedenti. È un’impiegata esemplare. Quindi siamo molto preoccupati per la sua incolumità“, ha infine raccontato