Abusa di una 13enne mentre è in servizio: arrestato poliziotto

Il poliziotto ha abusato di una ragazza di 13 anni mentre è in servizio, e viene arrestato. L’uomo avrebbe conosciuto la minorenne su una app di incontri.

Un agente di polizia, Sheridon Edward Archer, del dipartimento di polizia di Palm Bay è stato arrestato e sospeso dal servizio. L’accusa è quella di aver abusato di una minorenne. Il tutto sarebbe avvenuto durante l’orario di lavoro.

poliziotto-meteoweek.com

Un agente di polizia, Sheridon Edward Archer, del dipartimento di polizia di Palm Bay è stato arrestato e sospeso dal servizio. L’accusa è quella di aver abusato di una minorenne. Il tutto sarebbe avvenuto durante l’orario di lavoro.

L’agente di 23 anni avrebbe conosciuto la minorenne tramite una app di incontri e, secondo l’accusa, avrebbe avuto dei rapporti sessuali con lei. A scoprire e denunciare l’accaduto sono stati proprio i colleghi, che avevano notato che c’era qualcosa che non andava.

Il sergente capo di Sheridon Edward Archer ha spiegato l’accaduto. Appena ci sono stati sospetti in merito agli abusi, l’agente è stato immediatamente sospeso e, di conseguenza, sono scattate le indagini.

Secondo quanto emerge proprio dalle indagini, l’agente di 23 anni avrebbe conosciuto la ragazza di appena 13 anni su una app che agevola incontri. I due si sarebbero poi incontrati per due volte ed entrambe le volte Sheridon Edward Archer si sarebbe trovato in servizio. Sono stati alcuni dei colleghi del poliziotto che, allarmati da alcune anomalie, hanno lanciato l’allarme, denunciando l’uomo. Grazie proprio a questi suoi colleghi, Sheridon Edward Archer è stato sospeso dal servizio e arrestato con l’accusa di abuso su minore atti osceni in luogo pubblico.

Secondo gli investigatori l’app che ha permesso al giovane poliziotto di venire in contatto con la ragazza minorenne, è l’app di social media chiamata “MeetMe”. Questa applicazione è pensata proprio per agevolare le conoscenze e per “fare amicizia, giocare e persino innamorarsi”. È proprio questa infatti la descrizione che viene fatta dell’applicazione nel suo sito web.

L’indagine su Archer è iniziata domenica 18 settembre. Le accuse contro Archer sono state notificate alle autorità competenti ed è stato chiesto che queste indagassero ulteriormente sulla veridicità.

Quando abbiamo scoperto l’accaduto, abbiamo deciso di affidare le indagini al Dipartimento di Polizia della Florida“, ha dichiarato a Florida Today il tenente Mike Roberts, portavoce del Dipartimento di Polizia di Palm Bay.

Gli investigatori hanno dichiarato di aver presto scoperto che Archer si è recato a casa della ragazza in due diverse occasioni e avrebbe commesso atti osceni e lascivi. Durante entrambi i presunti incontri, Archer sarebbe stato in servizio.

La vittima è stata in grado di identificare Archer grazie ai suoi tatuaggi.