Ucraina: Joe Biden ha deciso di inviare 31 carri armati Abrams

Il Presidente americano Joe Biden ha detto sì all’invio di 31 tank Abrams all’Ucraina, non si tratterebbe però di una minaccia contro la Russia.

Finalmente è arrivato l’ok della Casa Bianca per l’invio di 31 tank Abrams all’Ucraina. Si tratta di una svolta che consente anche di sbloccare la fornitura di carri armati Leopard a Kiev. Il Presidente americano ha sottolineato che gli Usa e l’Europa sono uniti nel dare sostegno a questa nazione.

Le parole di Biden sulla sua scelta

Nel corso di una conferenza stampa da Washington il Presidente statunitense ha dichiarato che invierà 11 carri armati Abrams, i più potenti al mondo insieme ad attrezzature. Inoltre ha ringraziato la Germania per l’invio dei tank Leopard. La nazione tedesca, invece, invierà in Ucraina 14 carri armato Leopard che potrebbero arrivare nella capitale nel giro di tre mesi.

Sempre Biden ha voluto sottolineare che lo scopo primario è quello di difendere l’Ucraiana e preservarne l’unità territoriale, certamente non quello di attaccare la Russia. Da parte sua l’ambasciatore tedesco in Russia, Sergei Nechaev ha affermato che la decisione tedesca è pericolosa e che potrebbe infliggere un danno irreparabile ai legami con Berlino. Nel frattempo Volodymyr Zelensky ha fatto sapere di essere grato per la scelta presa dal cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Si prevede un’escalation del conflitto

Era ormai da tempo che la nazione invasa dall’esercito di Vladimir Putin chiedeva a gran voce questo tipo di aiuto militare. Da Mosca hanno accolto la notizia a muso duro spiegando che le forze armate russe distruggeranno i carri armati Abrams e tutti gli altri tipi di equipaggiamenti militari inviati dalla Nato. A ogni modo, l’annuncio che ha fatto tirare un sospiro di sollievo al presidente ucraino è giunta dopo una call che Biden ha intrattenuto con il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il presidente francese Emmanuel Macron, il premier britannico Rishi Sunak e la Presidente del Consiglio italiana Giorgia Meloni.

President-elect Joe Biden pauses to smile as listens to media questions at The Queen theater, Tuesday, Nov. 10, 2020, in Wilmington, Del. (AP Photo/Carolyn Kaster)

L’ambasciatore russo a Washington, Anatoly Antonov, invece, ha commentato questa decisione come una plateale provocazione sottolineando che Washington sta cercando di infliggere loro una sconfitta strategica. A questo punto si vedrà come si metteranno le cose nel conflitto nel cuore dell’Europa che a breve compirà un anno. E’ infatti possibile attendersi una svolta che potrebbe giungere a breve grazie a queste armi  decisamente più pesanti che sono state chieste anche dal segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.