Home News Riace: Mimmo Lucano è tornato a casa. Revoca divieto di dimora

Riace: Mimmo Lucano è tornato a casa. Revoca divieto di dimora

CONDIVIDI

Mimmo Lucano ritorna a casa

E’ tornato a casa l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano, dopo la revoca del divieto di dimora.

Il Tribunale di Locri ha revocato il divieto di dimora a Riace che era stato disposto nei confronti dell’ex sindaco Domenico Lucano, nell’ambito dell’inchiesta Xenia, sui presunti illeciti nella gestione dell’accoglienza dei migranti.

La revoca del Tribunale di Locri all’ex Sindaco di Riace

Il tribunale di Locri ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati della difesa Antonio Mazzone e Andrea Daqua, revocando il divieto di dimora a Mimmo Lucano.
Fino a quando il provvedimento non gli è stato materialmente notificato, intorno alle 14 circa,  l’ex sindaco non smetteva di ripetere a chiunque “Fin quando non lo vedo, non ci credo”.
Incredulità e speranza che si sono concretizzate in un’immensa gioia, quando la notizia lo ha raggiunto ed è stato notificato l’atto.
Il divieto di dimora era stato disposto come misura alternativa agli arresti domiciliari a cui Mimmo Lucano è stato sottoposto da ottobre 2018. Da allora, fino a ieri, l’ex Sindaco ha vissuto a Caulonia, piccolo centro limitrofe alla sua amata Riace.

Il rientro a Riace e l’abbraccio con l’anziano padre

L’ex sindaco è arrivato a Riace attorno alle 16, dove ad attenderlo c’era una piccola folla nei pressi del Municipio.
Ma il primo pensiero di Mimmo Lucano, dopo 11 mesi “di esilio” è stato quello di riabbracciare l’anziano padre, dimesso pochi giorni prima da un ultimo ricovero presso l’Ospedale di Catanzaro. Un incontro davvero commovente tra padre e figlio, che per 11 mesi sono stati costretti a vedersi per poche ore, sempre lontano da casa. Un abbraccio pieno di emozioni e commozione che per un istante ha fatto dimenticare il motivo per cui erano trascorsi quei lunghissimi mesi.
“Ma davvero ti hanno liberato o è solo un permesso? Puoi rimanere qui sempre” le parole quasi incredule del padre.

Un abbraccio, quello di Mimmo Lucano, che conteneva molto di più che la gioia di essere a casa: un abbraccio alla sua Riace, alla sua politica e alla sua libertà.