Diletta Leotta divertita con Bonolis tecnologico | Ecco perché | Video

Oggi per Diletta Leotta un altro appuntamento divertente, in studio a radio 105 c’è come ospite Paolo Bonolis. I due si scambiano battute e Diletta se la ride. Ecco perché

Diletta Leotta divertita con Bonolis tecnologico | Ecco perche | Video - meteoweek.com
Diletta Leotta divertita con Bonolis tecnologico | Ecco perche | Video – meteoweek.com

Diletta Leotta comincia il video augurando un buon lunedì ai suoi fan. Poi introduce Paolo Bonolis che è messo in un angolino, dietro la conduttrice. Poi Diletta scherza sul fatto che Bolonis è un conduttore poco tecnologico. Ecco cosa dice: “Questo è il cellulare di Paolo Bonolis, manca anche la lettera K sulla cover”. Si tratta di un cellulare Gsm di vecchia generazione. Diletta Leotta ride perché Bonolis pizzicato risponde: ” questo è il profilo Instagram di Diletta Leotta dove racconta tante storie. Chiassà come andrà a finire…”.

clicca qui–> Diletta Leotta relax nella vasca con idromassaggio | delirio per i fan | Video

leggi anche–> Diletta Leotta e Valeria Marini baci stellari | Le due bionde preferite di papà | Video

Paolo Bonolis e la promozione del libro

Il conduttore Mediaset per adesso sta promuovendo il suo libro ed è spesso ospite in Tv e adesso anche in radio. Il titolo del libro è “Perché parlavo da solo”. Un’opera che sostanzialmente Paolo Bonolis desidera lasciare in eredità ai figli, come ha raccontato a Porta a Porta, qualche sera fa. Si tratta infatti di un’autobiografia. Il conduttore ha raccontato nelle pagine storie inedite. Insomma Paolo Bonolis senza filtri.

Un libro che gli permette di soffermarsi su aneddoti curiosi, compreso il racconto del suo primo incontro con Freddie Mercury, il cantante dei Queen che Bonolis conobbe nel 1985. “Lo incontrai a 25 anni a una cena a Londra. Iniziammo a chiacchierare. Dopo un po’ capii che avrebbe voluto che andassimo da qualche altra parte… Io misi subito le cose in chiaro: “Freddie, adoro la sua musica, la trovo fantastico. Ma davvero: non è robba pe’ me”.