Venezia, la prima ad aiutarla è la Russia di Putin: un milione di euro in un giorno

Arriva dalla Russia 1 milione di euro per recuperare il patrimonio culturale della città danneggiata dalla marea

Ci sono volute meno di 24 ore affinché l’ambasciata italiana a Mosca raccogliesse 1 milione di euro di promesse donazioni da parte di russi facoltosi a sostegno del patrimonio culturale di venezia colpito e danneggiato dalla marea di questi giorni. Lo comunica all’ANSA l’ambasciatore Pasquale Terracciano. Domani intanto partirà ufficialmente la campagna di solidarietà presso l’ambasciata grazie ad un concerto del maestro Valery Gergiev, direttore del teatro Mariinsky di San Pietroburgo, alla vigilia della sua tournée in Cina.

leggi anche–Ilaria Cucchi querela Matteo Salvini: “Non si doveva permettere di dire quelle frasi”

«Non ho fatto in tempo a lanciare la campagna che già abbiamo raccolto l’adesione del maestro Gergiev, il più grande direttore d’orchestra vivente russo, per un concerto straordinario prima della partenza verso la Cina», ha affermato Terracciano. Il maestro si trovava a San Pietroburgo in occasione dell’annuale foro culturale. Oltre a Gergiev si sono subito mobilitati anche «alcuni responsabili» di grandi aziende russe, che hanno subito risposto all’appello con una prima «promessa d’impegno» per un totale di «1 milione di euro».

Al via la campagna di solidarietà per Venezia

«Domani – ha chiarito Pasquale Terracciano – sull’onda del concerto di Gergiev intendiamo lanciare questa iniziativa in tutto il territorio della Federazione Russa e sono certo che a quel milione si aggiungeranno altre donazioni significative». Insomma un risultato importante, spiegato dal «grandissimo amore che la Russia ha per l’Italia e in particolare per Venezia, che suscita emozioni particolari nell’immaginario collettivo».

leggi anche– Ritrovato cadavere sulla spiaggia, è una donna. E forse hanno scoperto chi è