“Vendo un bambino di due mesi e regalo la sorella”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:47

Vendo un bambino di due mesi a 500 dollari e regalo la sorellina di quattro anni. E’ il contenuto di un annuncio online

Annuncio choc in Florida

Sembra un macabro scherzo, o una delle tante fake news che circolano sulla rete, e invece pare sia tutto vero. C’è un bambino di poche settimane in vendita per 500 dollari su Craiglist, lo scioccante annuncio. “Dorme e non fa rumore durante la notte”- si legge – e l’autore si offre di fornire anche vestitini per bambini, e persino la sorella di 4 anni. Il dipartimento di polizia della Florida ha avviato un’indagine per determinare se si trattasse di uno scherzo. . L’autore dell’annuncio online continua dicendo che vive in un “quartiere tranquillo e influente, e lavora per il Dipartimento dei bambini e delle famiglie della Florida”. “Non voglio essere giudicato per non volere più questi bambini”, conclude l’annuncio.
Il Dipartimento delle forze dell’ordine della Florida (FDLE) ha aperto un’inchiesta per determinare se l’annuncio fosse autentico o uno scherzo. Il Miami Herald, che ha svelato in anteprima la vicenda, ha riferito che agenti dello stato hanno già interrogato una donna sospettata di aver pubblicato l’annuncio su Craigslist venerdì, che però ha negato di essere la responsabile. Martedì DailyMail.com ha contattato il FDLE, Craigslist e The Florida Department of Children and Families per un commento su questo caso ed era in attesa di una risposta. Una risposta che però non è arrivata.

Non è la prima volta che qualcuno tenta di vendere un bambino su Craigslist. Deanna Greer e John Cain, del Tennessee, sono stati arrestati nel 2017 per aver pubblicato un annuncio sul popolare sito di annunci per la vendita del loro bambino di cinque mesi per 3.000 dollari. I genitori sono stati fermati proprio nel momento dello scambio con un poliziotto sotto copertura che si era presentato come acquirente.

Una brutta abitudine quella degli annunci online senza possibilità di controllo o di censura. Ma le autorità statunitensi hanno promesso che stanno rimediando al grave problema.