Roma, sequestrate le bancarelle di Natale di Piazza Navona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:59

Secondo la Polizia Locale sono state violate le norme di sicurezza. Gravi rischi per lavoratori e visitatori.

Sequestrate le bancarelle di piazza Navona. Lo storico mercatino di Natale non rispetterebbe le norme di sicurezza previste dalla legge. La Polizia Locale ha eseguito il sequestro dopo una serie di controlli che hanno messo in evidenza una serie di violazioni alla normativa sulla sicurezza.

Impressionante l’elenco di irregolarità riscontrate dagli agenti: allacci alla corrente elettrica del tutto abusivi, cavi scoperti, merce esposta priva dei regolari certificati. Oltre 600 i giocattoli ritenuti pericolosi e quindi sequestrati. Erano privi delle certificazioni europee di sicurezza. Almeno dieci le attività considerate illecite dagli agenti. Addirittura la struttura al centro della piazza non aveva gli estintori, ed era priva del certificato di prevenzione incendi.

Leggi qui ->Allerta meteo a Roma. Scuole chiuse. Raggi: “se potete non uscite di casa”

Al termine dei controllo, i vigili hanno elevato circa 30mila euro di contravvenzioni. Denunciato il responsabile tecnico che aveva certificato la regolarità delle strutture e della manifestazione. Ed il Natale a piazza Navona pare irrimediabilmente rovinato: i gestori delle bancarelle potrebbero fare ricorso, o provare a mettersi in regola rispetto alle criticità evidenziate dalla polizia, ma il tempo stringe.

Ad essere scettico è anche l’assessore al Commercio di Roma Capitale: “La vedo difficile”, ha dichiarato in una intervista.“ Credo che per avere una bella manifestazione dovremo aspettare il prossimo anno. Resettiamo subito il bando, proviamo a salvare il Natale 2020.” ha aggiunto, riferendosi al bando di gara del 2017 che assegna per sei anni l’organizzazione dell’evento.

Leggi anche ->Roma, protesta degli abitanti delle case popolari: cassonetti in fiamme a Casal Bruciato

“Alla prima Giunta utile chiederò l’azzeramento del bando”, ha ribadito Cafarotti. “Ci sono tutta una serie di postille che non vanno e che bisogna modificare – ha spiegato l’assessore –, ma ormai sarà per l’anno prossimo”. La postilla in questione è quella che prevede un punteggio più alto per chi in passato ha già organizzato e gestito la manifestazione natalizia in piazza Navona. Che poi sono esattamente le persone che hanno organizzato anche quest’anno, con i risultati che il blitz della Polizia Locale ha evidenziato.

Per quest’anno, dunque, pare che i romani dovranno rinunciare al tradizionale mercatino di piazza Navona, uno degli eventi più caratteristici della capitale nel periodo delle feste.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui