Mafia, arrestato ex cassiere dei boss di Palermo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38

Importante operazione della Guardia di Finanza a Palermo: in manette Salvatore Milano, storico membro dei clan palermitani, per i quali è stato anche cassiere. 

Salvatore Milano, arrestato dalla guardia di Finanza – meteoweek.com

Estorsione aggravata dal metodo mafioso: questa l’accusa per la quale Salvatore Milano, conosciuto anche come ‘Totuccio o Tatieddu, è stato arrestato questa mattina dagli agenti del nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Palermo. Per anni una azienda del capoluogo siciliano avrebbe pagato a Milano un “pizzo”, che era ormai considerato una sorta di “costo d’impresa”. “I fatti oggetto delle contestazioni risalgono agli anni 2016 e 2017” – specifica una nota della Guardia di Finanza – “quando le indagini dei finanzieri del Gico consentirono di accertare il ruolo attivo di Milano in merito ad una richiesta estorsiva commessa nei confronti di una nota attività commerciale del centro storico cittadino”.

Leggi anche ->Isernia, spaccio di droga e tentato omicidio. Operazione di polizia all’alba

L’estorsione, effettuata con metodo mafioso nei confronti dei titolari dell’azienda “prevedeva il pagamento di somme di denaro di importo compreso tra i 500 e 1.000,00 euro a titolo di “messa a posto” necessaria per ottenere l’autorizzazione ad esercitare il commercio nel territorio del mandamento di Porta Nuova ed evitare la commissione di danneggiamenti o altri atti ritorsivi ai loro danni”. Insomma, il classico “pizzo”.

Leggi anche -> Tragedia di Corso Francia, Pietro Genovese positivo ai test

Salvatore Milano era già finito in carcere nel 2008: era stato condannato in via definitiva dalla Corte d’Appello di Palermo per associazione mafiosa per aver effettuato primo tentativo di ricostruire la Commissione provinciale di Palermo di Cosa Nostra. Milano, sempre secondo quanto comunica la Guardia di Finanza,  “è uno storico uomo d’onore appartenente alla famiglia mafiosa di Palermo Centro nella quale ha rivestito, tra l’altro, il ruolo di ‘cassiere’ delle famiglie del mandamento mafioso di Porta Nuova provvedendo al sostentamento degli esponenti mafiosi detenuti o da poco scarcerati”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui