Torino | Blitz della finanza, lavoratori trattati come schiavi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:48

Un blitz della guardia di finanza ha svelato una realtà terribile su Torino: trenta lavoratori erano costretti a lavorare come schiavi per 15 ore al giorno e pagati 5 euro.

Torino | Blitz della finanza, lavoratori trattati come schiavi – meteoweek

Li avevano resi quasi degli schiavi: un fratello (28 anni) e una sorella (26 anni) cinesi sono stati arrestati a Torino per aver sfruttato un gruppo di 30 lavoratori costringendoli a lavorare 15 ore al giorno, pagandoli 30 centesimi l’ora.

Leggi anche –> Operazione contro la vendita del falso. Guardia di Finanza oscura novantotto siti web

Blitz della Guardia di Finanza di Torino svela l’orrore nella sartoria industriale – meteoweek

Il blitz è avvenuto questa notte in una sartoria industriale dove la guardia di finanza ha dovuto constatare che un gruppo di lavoratori era stato costretto praticamente in schiavitù e pagato 5 euro al giorno.

Leggi anche –> Ponte Morandi, blitz della Guardia di Finanza negli uffici di Autostrade, Spea e Pavimental

Cucivano con macchinari borse e vestiti al gelo d’inverno, in un caldo torrido d’estate; tra loro anche diversi irregolari, con visto turistico scaduto, connazionali degli aguzzini (ma anche un gruppo di italiani). I lavoratori erano anche regolarmente videosorvegliati e alloggiati in condizioni degradanti all’interno dei laboratori, con rischiose condizioni igieniche.

La Guardia di Finanza è intervenuta per porre fine all’orrore – meteoweek

Molti di loro non uscivano mai dai laboratori. Era diventata la loro casa e la loro condanna: qui mangiavano, dormivano e lavoravano spesso con l’intera famiglia. C’erano anche dei bambini. Quando la finanza è entrata lo shock è stato impressionante: trovati anche libri di scuola e giocattoli. I pochi che potevano uscire e dormire altrove, sempre in alloggi sovraffollati e in pessime condizioni, passavano dai campi per non farsi vedere. Molti non avevano il permesso di soggiorno e temevano il rimpatrio. La situazione è precipitata rapidamente per la coppia cinese che ora dovrà rispondere, oltre che alla giustizia, all’ispettorato del Lavoro, all’Inps e allo Spresal.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui