Tutti scappano dal Movimento 5 Stelle: cambio di sponda per altri due deputati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:23

L’emorragia non si vuole arrestare: continuano la fuga e gli addii da parte dei deputati grillini, che lasciano il Movimento 5 Stelle in favore del Gruppo Misto. 

De Toma e Silvestri lasciano il Movimento 5 Stelle

Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, i due deputati pentastellati Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri hanno fatto sapere di voler lasciare il Movimento 5 Stelle. I due parlamentari hanno infatti comunicato la loro decisione alla presidenza della Camera, rendendo noto il loro passaggio al Gruppo Misto.

Leggi anche: Autostrade, ipotesi maxi-multa | Il M5S si oppone e spinge per la revoca
Guarda qui: Gregoretti, il M5S chiede il rinvio del voto su Salvini: “Non hanno dignità”

ll Movimento 5 Stelle continua a perdere pezzi: fuori De Toma e Silvestri

Ciò a cui il Movimento 5 Stelle sta assistendo da un po’ di tempo a questa parte, è una ricca serie di addii che vedono protagonisti i suoi parlamentari. Oggi si sono uniti al gruppo dei “fuggitivi” i deputati Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri, che proprio come Nunzio Angiola e Gianluca Rospi, lasciano il partito per aderire al Gruppo Misto.

Tali movimenti intestini non sembrano essere particolarmente rilevanti per Giuseppe Conte o per il Pd. Simili ammutinamenti riguardano infatti soltanto i grillini e il leader Luigi Di Maio, impegnato a tamponare le ferite del Movimento in questo che potrebbe essere considerato il momento più delicato della sua carriera politica.

5 Stelle Angiola e Rospi
Nunzio Angiola e Gianluca Rospi

Prima di loro, Angiola e Rospi

La fuga più clamorosa dal Movimento 5 Stelle è stata probabilmente quella effettuata dall’ex ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti. Un addio, il suo, che è stato preso ad esempio e modello da altri suoi colleghi pentastellati, tra i quali i deputati Nunzio Angiola e Gianluca Rospi. Anche loro, infatti, hanno annunciato appena qualche giorno fa di aver lasciato il partito di Di Maio per aderire al Gruppo Misto.

Sia da Angiola che da Rospi erano infatti state mosse ferree critiche nei confronti dei vertici del Movimento, che (a detta loro) hanno dimostrato fin troppa chiusura e una scarsa collegialità nei confronti dei membri e colleghi.

Non ci è dato ancora sapere delle decisioni e delle motivazioni che hanno portato all’allontanamento di Massimiliano De Toma e Rachele Silvestri, ma non è da escludere un pensiero in linea con quello dei loro predecessori e, soprattutto, un loro prossimo intervento in merito a questa delicata faccenda.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui