Exit poll | Emilia Romagna | Salvini sconfitto nella sfida con le Sardine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:01

Gli exit poll condannano Salvini e la sua candidata a governatore dell’Emilia Romagna, Lucia Borgonzoni. Quanto ha contato il voto delle Sardine.

Prima Proiezioni 6% campione

Stefano Bonaccini 48,2%

Lucia Borgonzoni 45,9%

Primo Exit Poll ore 23:00 80% campione

Stefano Bonaccini 47% – 51%

Lucia Borgonzoni 44% – 48%

Simone Benini 2% – 5%

Secondo Exit Poll ore 23:30 100% campione

Stefano Bonaccini 48% – 52%

Lucia Borgonzoni 43% – 47%

Simone Benini 2% – 5%

Bonaccini era fortemente appoggiato anche dal movimento delle Sardine, capeggiato dal ricercatore bolognese Mattia Santori. Le Sardine sono un movimento che nasce nelle piazze e si sono sempre dichiarate apolitiche. Nonostante questo molti esponenti, tra cui lo stesso Santori, sono scesi in piazza per supportare la campagna di Stefano Bonaccini. “Se Salvini vincerà– aveva dichiarato il leader delle Sardine – per noi non cambierà proprio nulla. Ma se perderà il merito sarà soprattutto nostro. Profeta in patria. “I sovranismi stanno vincendo ovunque da anni ormai. Dunque se Salvini uscirà sconfitto in Emilia vorrà dire che siamo stati più convincenti noi di lui con gli emiliani”. Santori rivendica il merito di aver riportato le persone nelle piazze, di aver fatto loro capire che molte delle notizie diffuse sui social sono false o, meglio, contribuiscono a creare idee false come quelle legate alla scarsa sicurezza in Italia. “Noi abbiamo usato solo la forza dell’umanità per farci seguire. Abbiamo fatto sempre tutto gratis. Se Salvini perde sarà un doppio smacco per lui”aveva dichiarato.

Leggi anche -> Sardine a congresso, i ragazzi si incontrano a marzo a Napoli

Nei lunghi tre mesi di campagna elettorale per le Regionali dell’Emilia-Romagna non si sono viste solo manifestazioni e comizi, ma la partita, mai come questa volta, si è spostata in rete. Pagine Facebook, Instagram e Twitter sono dientate tribune elettorali sulle quali i candidati si sono sfidati a chi postava di più.

Ad analizzare l’andamento della discussione in rete, nel periodo che va dal 10 ottobre al 10 gennaio, è stata FB&Associati: In tre mesi il dibattito social è stato quasi esclusivamente politico. In rete, “la storia che ha dominato” – hanno scritto – è stata quella delle Sardine che è risultata la notizia più condivisa in assoluto. I temi più discussi invece sono stati lavoro e sanità, a seguire sicurezza e tasse.

 

Sono diciassette le liste per sette candidati in corsa: oltre all’attuale presidente Stefano Bonaccini in cerca di riconferma per il centrosinistra e Lucia Borgonzoni per il centrodestra (con sei liste a sostegno ciascuno), anche Simone Benini per il Movimento 5 Stelle, l’antivaccinista Domenico Battaglia per il Movimento 3V – Vaccini Vogliamo Verità, Laura Bergamini per il Partito Comunista, Marta Collot per Potere al Popolo e Stefano Lugli di Altra Emilia Romagna.

Vince chi avrà il maggior numero di voti – e per il rinnovo del consiglio regionale, con 50 consiglieri eletti. Una sola la scheda, di colore verde.