Il piano segreto di Conte: «Al lavoro fino al 2023 Così battiamo la Lega»

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:23

C’è grande ansia per l’esito delle elezioni in Emilia; ma se dovesse vincere la Lega con Borgonzoni, Giuseppe Conte ha un piano b.

Il piano segreto di Conte: «Al lavoro fino al 2023 Così battiamo la Lega» – meteoweek

Il test elettorale di oggi «non è sul governo, che ha un orizzonte di legislatura», questo almeno è quanto continuano a ripetersi tutti; senza convinzione. La verità è che se Borgonzoni dovesse vincere, non ci sarebbero più dubbi sul fatto che gli italiani desiderano la Lega alla guida del Paese. Ufficialmente Giuseppe Conte conta dunque di restare in sella anche se il Pd dovesse perdere in Emilia Romagna, e «c’è anche la consapevolezza — dice allo staff — che governiamo con il Pd da pochi mesi e che la Lega ha ancora presa soffiando solo sulle paure della gente. Ma cambiando radicalmente il Paese (cosa che non si fa in pochi mesi ma in anni) semplificando, deburocratizzando e riducendo in modo importante le tasse, Salvini sarà neutralizzato. Salvini e il centrodestra si battono con le “pratiche di buon governo”, non accettando un terreno di scontro a colpi di facili slogan. Salvini lo batteremo nel 2023. Ora siamo ancora all’inizio». Questo è quanto riportato dal Corriere della sera in un interessantissimo retroscena.

Leggi anche –> Giuseppe Conte, la paura prima del voto, ministri convocati nella notte

In Emilia si stanno affrontando Bonaccini (PD) Borgonzoni (Lega) – meteoweek

Con i suoi interlocutori il presidente del Consiglio non ha nascosto i timori per la fase che sta attraversando Il Movimento 5 Stelle, che ha appena perso Di Maio e che si trova in caduta libera.

Leggi anche –> Giorgia Meloni provoca Giuseppe Conte: “Lunedì ti citofoniamo”

Elezioni in Emilia: il metronomo della politica dei prossimi 10 anni – meteoweek

Ecco perché, come riporta sempre il Corriere, esiste una versione di Conte diversa, preparato al peggio, che dice ai suoi collaboratori «pancia a terra, nervi saldi e continuiamo a lavorare», preparandosi ad una giornata dura ma soprattutto alla richiesta di urne anticipate che una Lega vittoriosa avanzerebbe di fronte al capo dello Stato e a tutto il Paese un attimo dopo lo spoglio delle schede elettorali se dovesse vincere Borgonzoni. Le elezioni saranno uno spartiacque interessante che segnerà indelebilmente il futuro del Paese, ma soprattutto che decreteranno la linea politica dei prossimi 10 anni.