Firenze, “andate a tossire a casa vostra”: episodio di razzismo per il coronavirus

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:43

Episodio a sfondo razzista a Firenze che fa riferimento alla tensione per la diffusione del coronavirus: lo racconta l’ex consigliere comunale di campi Bisenzio Angelo Hu, che è italo-cinese.

Copia di turisti cinesi in aereoporto

“Andate a tossire a casa vostra”: una frase razzista, senza dubbio, ed evidentemente riferita al timore per il coronavirus, che dalla Cina si sta diffondendo in tutto il mondo. La battuta è stata lanciata da un uomo, che ha così apostrofato dei turisti orientali sul lungarno a Firenze. Aggiungendo ovviamente alla frase una serie di insulti. La vicenda è immortalata in un video che l’ex consigliere comunale di Campi Bisenzio Angelo Hu, italo cinese di 25 anni, ha postato su Facebook.

Leggi anche ->Coronavirus, sindaco Civitavecchia dice no allo sbarco: “Siete pazzi? È pericoloso”

Il giovane, che è commerciante e coordinatore di Associna in Toscana, ha anche commentato le immagini: “Da fiorentino e italo cinese, questo video mi ha fatto male come non pochi – ha scritto Hu. “Firenze è la città che amo e non può tacere di fronte a questi esempi di becera ignoranza. L’ignoranza non passerà!”. “Forse erano pure turisti giapponesi, neanche cinesi – aggiunge Angelo – Ma al di là di questo, qui siamo oltre la bischerata brutta, di quelle che sento dire anche nel mio bar e a cui nessuno dà importanza. Sono nato e cresciuto qui, conosco come si parla in città e so distinguere tra ironia, cattiveria e ignoranza”.

Leggi qui ->Coronavirus, primi due casi in Italia. Le dichiarazioni di Conte

Turista cinese

Il video – prosegue il giovane italo cinese – sembra autentico, veritiero, frutto di ignoranza e ha ferito i ragazzi italo-cinesi che lo stanno commentando sui loro social. Un po’ farebbe pure ridere ma poi fa molto arrabbiare, colpisce l’orgoglio della fiorentinità. Il virus tra qualche mese sarà debellato, ma la preoccupazione è che arriverà sui social in Cina come chat, e allora è forte il rischio che si propaghi una brutta immagine di Firenze, che poi resta tale”. Le immagini saranno ora analizzate per verificare che non si tratti di un video in qualche modo artefatto.

Da Fiorentino e Italo Cinese, questo video mi ha fatto male come non pochi, Firenze è la città che amo e non può tacere di fronte a questi esempi di becera ignoranza. L’ignoranza non passerà!

Gepostet von Angelo Hu am Donnerstag, 30. Januar 2020