Home News Bloomberg “Solo io posso battere Donald Trump” | raffica di attacchi

Bloomberg “Solo io posso battere Donald Trump” | raffica di attacchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:22
CONDIVIDI

Michael Bloomberg al suo primo esordio tra i democratici per le presidenziali di novembre, ha subito decine di attacchi, anche a suon di Tweet, da parte del Tycoon, che lo ha definito addirittura “piccolo uomo” per via della sua statura.

 Tutti i candidati presidenziali democratici del 2020, l’ex sindaco di New York Mike Bloomberg, la senatrice Elizabeth Warren, l’ex senatore Bernie Sanders, l’ex vicepresidente Joe Biden, l’ex sindaco di South Bend Pete Buttigieg e la senatrice Amy Klobuchar, cercano di parlare allo stesso tempo vicino al conclusione o il nono dibattito sui candidati presidenziali negli Stati Uniti al 2020 al Teatro di Parigi a Las Vegas, Nevada, USA, 19 febbraio 2020. REUTERS / Mike Blake

«Solo io posso battere Donald Trump e ho l’esperienza per fare il presidente, io sono stato sindaco della città con più diversità, imprenditore, manager, filantropo». Mentre i suoi rivali si affrettavano a criticare il miliardario uomo d’affari, patron del canale economico omonimo, per la sua ricchezza, il record sulla razza e la storia dei commenti sessisti. Bloomberg è sembrato nervoso ed esitante in un esordio grossolano davanti a un pubblico nazionale in un dibattito che ha dato agli elettori il loro primo sguardo senza scrupoli sul magnate dei media e sull’autofinanziamento dell’ex sindaco di New York che è salito alle urne mentre spendeva centinaia di milioni di dollari per annunci televisivi.

Bernie Sanders, Elizabeth Warren, Amy Klobuchar, Joe Biden e Pete Buttigieg si sono messi in fila per inseguire Bloomberg, spesso urlando l’un con l’altro mentre si contendevano l’attenzione nel più controverso dei nove dibattiti della Casa Bianca democratica. 

Speranze presidenziali democratiche L’ex sindaco di New York Mike Bloomberg (L), la senatrice dell’Indiana Amy Klobuchar e l’ex vicepresidente Joe Biden (R) parlano durante una pausa durante il dibattito presidenziale democratico ospitato da NBC News e MSNBC con The Nevada Independent presso il Paris Las Vegas Hotel a Las Vegas, Nevada, il 19 febbraio 2020. (Foto di Mark RALSTON / AFP) (Foto di MARK RALSTON / AFP via Getty Images)

«Stiamo correndo contro un miliardario che chiama donne grasse e lesbiche con la faccia da cavallo», ha detto Warren, senatore del Massachusetts. « E, no, non sto parlando di Donald Trump, sto parlando del sindaco Bloomberg – aggiungendo – i democratici corrono un rischio enorme se sostituiamo un arrogante miliardario a un altro». Bloomberg è stato accusato nel corso degli anni di numerosi commenti sessisti e misogini, e sono state intentate diverse cause per accusa che le donne sono state discriminate nei confronti della sua compagnia di comunicazione.

Non ha risposto ai commenti di Warren sulle sue osservazioni passate sulle donne, che sono state tratte da un opuscolo che gli era stato dato nel 1990 che si diceva fosse una raccolta dei suoi detti nel corso degli anni. Un portavoce della campagna ha affermato che Bloomberg «semplicemente non ha detto le cose che qualcuno ha scritto in questo regalo bavaglio». 

Bloomberg, che è entrato in gara a novembre e sta saltando i primi quattro stati con voto anticipato a febbraio per concentrarsi sulle successive nomination concorsi a marzo, è salito al numero 2 tra i democratici dietro Sanders, secondo un sondaggio nazionale Reuters / Ipsos pubblicato martedì .

Al dibattito Bloomberg disse che stava usando i suoi soldi per una causa importante. «Sto spendendo quei soldi per sbarazzarmi di Donald Trump, il peggior presidente che abbiamo mai avuto. E se riesco a farlo, sarà un grande contributo per l’America e per i miei figli», ha detto.

L’ex sindaco di New York Mike Bloomberg (L), la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren e il senatore del Vermont Bernie Sanders (R) partecipano al nono dibattito democratico sulla campagna elettorale del 2020, ospitato da NBC News, MSNBC, Noticias Telemundo e The Nevada Independent al Paris Theater di Las Vegas, Nevada, il 19 febbraio 2020. (Foto di Mark RALSTON / AFP) (Foto di MARK RALSTON / AFP via Getty Images)

SCAMBI INTENSI

Il dibattito è arrivato in un momento cruciale, tre giorni prima dei caucus presidenziali del Nevada, la terza gara nella corsa stato per stato per trovare uno sfidante a Trump nelle elezioni del 3 novembre. La posta in gioco era evidente nell’intensità degli scambi, con Biden e Warren, in particolare, che affrontavano il compito del do-or-die di riaccendere le loro campagne dopo le timide proiezioni in Iowa e New Hampshire all’inizio di questo mese.

Sia Warren che Biden, l’ex vicepresidente, hanno criticato Bloomberg per il suo trattamento delle donne. I due gli hanno chiesto di impegnarsi a rilasciare donne che avevano firmato accordi di non divulgazione per la risoluzione di azioni legali. Bloomberg ha rifiutato, dicendo che sono stati fatti “consensualmente” con l’aspettativa che sarebbero rimasti privati.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump commenta un grande raduno di Keep America a Phoenix, in Arizona, il 19 febbraio 2020. (Foto di JIM WATSON / AFP) (Foto di JIM WATSON / AFP via Getty Images)

«Non batteremo Donald Trump con un uomo che ha chissà quanti accordi di non divulgazione, e il gocciolamento, gocciolamento, gocciolamento di storie di donne che affermano di essere state molestate e discriminate», ha detto Warren, che ha avuto il suo più aggressivo discussione. Bloomberg ha affermato che esistono “pochissimi” accordi di non divulgazione. «Nessuno di loro mi accusa di nulla», ha detto. «Forse non gli sono piaciute le battute che ho raccontato».

LAS VEGAS, NEVADA – 19 FEBBRAIO: Il candidato presidenziale democratico Sen. Bernie Sanders (I-VT) sorride durante il dibattito primario presidenziale democratico a Parigi Las Vegas il 19 febbraio 2020 a Las Vegas, Nevada. Sei candidati si sono qualificati per il terzo dibattito democratico presidenziale del 2020, che si tiene pochi giorni prima dei caucus del Nevada il 22 febbraio. (Foto di Mario Tama / Getty Images)

Sanders, un senatore progressista che è salito in cima ai sondaggi, ha criticato il sostegno di Bloomberg alle politiche di polizia “stop-and-frisk” come sindaco che “ha inseguito gli afroamericani e i latinoamericani in modo scandaloso. Non è questo il modo in cui aumenterai l’affluenza degli elettori ”. Biden ha detto che Bloomberg non ha gestito molto bene New York durante i suoi tre mandati come sindaco e ha detto che stop e frisk hanno lanciato «vicino a 5 milioni di giovani neri contro il muro».