La Linea Invisibile| Variety intervista Mariano Borroso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:42

La linea invisibile, la nuova serie tv del creatore di “What the Future Holds” Mariano Barroso, sarà presto proiettata digitalmente in una vetrina online dall’emittente spagnola “Moviestar Plus”.

La serie è divisa in sei puntate e narra della storia delle origini
dell’organizzazione terroristica basca ETA e del suo primo assassini della guardia civile di Josè Antonio Pardines il 7 giugno 1968 dal capogruppo Txabi Etxebarrieta. Secondo la storia, l’ETA sarebbe responsabile di altri 828 omicidi.

La “Linea Invisibile” vanta alcuni talenti cinematografici più
premiati in Spagna, tra cui Antonio de la Torre, recente vincitore
dell’Accademia Spagnola Goya e il Platino per il tuo tuor de force in “The Kindom”, Alex Monner, Anna Castillo, protagonista di “The Olive Tree” di Iciar Bollaín; e Patricia López Arnaiz, una da tenere d’occhio dopo esibizioni straordinarie in “The Plague” e “While at War” di Alejandro Amenábar.

La Linea Invisibile | la serie spagnola

Inizialmente pronto per il suo servizio di pay TV / SVOD in Spagna il 17 aprile, Movistar Plus ha anticipato il debutto della serie all’8 aprile, quando i suoi primi due episodi saranno resi disponibili, gratuitamente, al pubblico online.

Barroso ha dichiarato di puntare ad una realizzazione della tv per un pubblico internazionale, spostando la prima della serie durante il blocco del coronavirus in Spagna e adattando la storia recente ancora controversa per la tv.

La Linea invisibile ! Intervista a Barroso

Ecco una parte dell’intervista recentemente rilasciata da Mariano
Borroso per la presentazione della serie.

La popolarità delle serie spagnole all’estero ha cambiato il modo di realizzare le serie? Stai pensando a un pubblico più ampio e diversificato di quello che potresti avere anni fa?

Le serie spagnole stanno andando bene ovunque e il lavoro dei nostri attori, scrittori e tecnici è di altissimo livello. Il linguaggio
dell’industria audiovisiva è stato universalizzato per molto tempo e le storie che raccontiamo sembrano attrarre tutti i tipi di pubblico. Penso che ci siamo adattati alle aspettative del pubblico e ci stiamo evolvendo con i tempi. ” La Linea Invisible ” racconta una storia molto locale, ma è quella che tutti capiranno. Sfortunatamente, sia la dittatura di Franco che il fenomeno dell’ETA sono ben noti ovunque.

Puoi brevemente parlare del processo di avanzamento della data di uscita? Cosa è stato richiesto logisticamente e come è stata presa la decisione?

È una decisione di Movistar Plus nell’ambito della sua politica di
rafforzamento dei contenuti per le settimane di questa situazione
eccezionale. Ci ha richiesto di accelerare i processi finali di
post-produzione, mescolando gli ultimi episodi e i tocchi finali agli
effetti digitali.

Due delle pubblicazioni di più alto profilo di quest’anno in Spagna riguardano l’ETA, sebbene raccontino storie diverse ambientate in diverse fasi dell’esistenza dell’organizzazione. Perché pensi che ci
sia questo improvviso interesse a ripensare a un’organizzazione così polarizzante oggi, quasi un decennio dopo il cessate il fuoco finale?

Non credo sia un interesse così improvviso, ma piuttosto una questione irrisolta. Il fenomeno ETA è stato traumatico per il nostro paese, probabilmente il movimento più importante dalla guerra civile. È certamente qualcosa che è ancora nella memoria collettiva e inconscia. Indagare, approfondire, ricreare ciò che è accaduto nella nostra storia recente, che ha sfregiato generazioni, è una delle missioni della narrazione cinematografica o audiovisiva. Ora, forse abbiamo la prospettiva di immergerci e forse le acque sono più calme.