Coronavirus l’onda non si ferma l’Italia è ancora travolta 4.400 contagiati e 427 morti

Non si allenta la pressione sul nostro paese e in modo particolare in Lombardia. Sono drammaticamente aumentati i contagiati e i decessi. Arrivano le risorse per nuovi posti letto ma non ci sono medici: la Regione Lombardia chiede aiuto ai paesi stranieri.

(Photo by Ezra Acayan/Getty Images)

I dati

Il coronavirus ha ucciso di meno rispetto alla giornata di ieri, si contano 427 morti (ieri erano stati 475) ma i contagi sono davvero tanti, troppi: i dati parlano di un incremento di altri 4.440 malati per un totale di 33.190 contagiati totali. La situazione dei ricoverati vede, 14.135 persone ricoverate in isolamento con sintomi lievi mentre 2198 sono i ricoverati in terapia intensiva

LEGGI ANCHE > La Croce Rossa promette: “In arrivo medici e mascherine dalla Cina”

LEGGI ANCHE > Madrid in ginocchio: un morto ogni sedici minuti negli ospedali

Più vittime in Italia che in Cina

Oggi purtroppo l’Italia ha superato la Cina per numero di decessi: “In Italia abbiamo il merito di avere dati certi anche sotto l’aspetto della diagnostica, appurare le case di morte è fondamentale – dice Brusaferro, presidente dell’ISS – è vero… l’Italia ha un numero di vittime superiori anche alla Cina ma tutti ci stanno imitando e ogni altro paese sta prendendo spunto dalla nostra organizzazione parlando di Modello Italiano”.

Lombardia, emergenza continua

“In Lombardia i positivi al coronavirus sono 19884, 2171 in più rispetto alla giornata di ieri, un dato purtroppo significativamente molto più alto rispetto a ieri – dice l’assessore regionale alla sanità Giulio Gallera – i ricoverati sono 7387 con una crescita molto più bassa, solo 182 in più, i ricoverati in terapia intensiva sono 1006, 82 in più, e i decessi 2168, 209 in più”.

Lombardia, 1250 posti non bastano più

Mentre si stanno allestendo nuovi posti di terapia intensiva alla Fiera di Milano e si stanno allestendo gli ospedali da campo, quello di Crema per 30 persone dovrebbe essere il primo a entrare in funzione, emerge il dramma del personale che è del tutto insufficiente. Sono stati richiamati in servizio anche i medici volontari e i pensionati ma non bastano. A Bergamo serve un nuovo reparto d’urgenza ma non c’è personale e anche i 1250 posti (erano meno della metà) realizzati a tempo di record non bastano più.

Conferenza Stampa Protezione Civile

Cuba manda 53 medici

La gara di solidarietà non si ferma. Sabato arriveranno in Italia 53 medici cubani altamente specializzati che entreranno in servizio nel presidio di Crema. Sono medici e infermieri che hanno affrontato l’ebola nel loro paese e che alleggeriranno il peso di medici che sono in servizio a ciclo continuo e sono stremati, presi d’assedio ogni sera da decine, centinaia di persone che soffrono i sintomi del COVID-19

Aumentano i posti letto attrezzati per la respirazione assistita ma non ci sono i medici (Photo by ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

A Piacenza ospedale pronto lunedì

Dovrebbe essere ultimato invece lunedì l’ospedale da campo da circa 40 posti che sorgerà a Piacenza. A confermarlo, il bollettino della Regione Emilia-Romagna, spiegando che “è già in corso il montaggio delle tende da parte dell’esercito ed, entro le prossime 48 ore, i moduli igienici verranno collegati alle tende mediante percorsi protetti”.