Coronavirus, le case di riposo, dove ormai non si interviene nemmeno più

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10

Qualcuno lo aveva detto molto prima che scoppiasse la vera e propria pandemia e cioè che sarebbe stato necessario scegliere chi salvare. Nelle case di riposo il coronavirus diventa la fine più triste e solitaria possibile.

Abbandonati…

Nessuno vorrebbe mai morire così, solo. Non dimenticato ma abbandonato. Perché i familiari non possono visitarti, perché non puoi avere il conforto di una persona amica o di un figlio. Al punto da pensare che si siano tutti dimenticati di te e ti abbiano lasciato solo. Probabilmente non c’è niente di peggio: per chi ci lascia e per chi rimane, con mille sensi di colpa e tanti ripensamenti. Ma è quello che sta accadendo ogni giorno nelle centinaia di case di riposo dove il coronavirus, ormai, è la normalità.

LEGGI ANCHE > Boris Johnson positivo al Coronavirus

LEGGI ANCHE > Federfarma: “Per guarire dal virus non esiste il faidate”

Essere anziani

La stragrande maggioranza delle persone che risultano positive al Covid19 ha più di 65 anni. Anche se il numero di malati giovani sta drammaticamente aumentando: le case di riposo, o RSA – residenze socio assistenziali – sono un viaggio di sola andata. Inizialmente la percentuale di vittime che morivano in casa di riposo era del 10%, ora – in particolare al nord – è drammaticamente più alta. Perché gli ospedali sono stracolmi, perché i letti di terapia intensiva sono praticamente indisponibili e perché un anziano in casa di riposo è quasi sempre in pessime condizioni indipendentemente dal coronavirus. Difficile che un malato ricoverato in RSA entri in ospedale: quasi impossibile che si salvi. Anche se qualche caso c’è stato, salutato con grande entusiasmo, come la donna di estubata proprio ieri e che oggi respira autonomamente.

La clinica in cui sono tutti malati

Ci sono i casi limite, come quello della piccola città di Nerola – in provincia di Roma – dove ha sede la casa di riposo Santissima Maria Immacolata con 16 operatori su 40 positivi al coronavirus oltre a 56 degenti sui 63. Un profondo rosso nella zona rossa. Qui non si tratta di emergenza geografica: perché casi come questi sono a Cremona come a Messina, a Rieti come a Treviso. Ovunque. Basta un caso e la situazione esplode nel giro di pochi giorni.

LEGGI ANCHE > Ecco perché i contagiati sono molti di più di quelli dichiarati

LEGGI ANCHE > Stati Uniti in piena emergenza: arrivano le navi ospedale

Misure tardive

A distanza di parecchi giorni dall’emergenza dichiarata, in Lombardia hanno annunciato misure straordinarie per le RSA, ma tutto sembra molto tardivo e soprattutto inutile. La cosa importante se mai ora è isolare ancora di più le case di riposo e renderle inaccessibili per evitare che il contagio si allarghi ancora. Più tamponi si trovano più casi vengono riscontrati: è un ciclo infinito.

In Italia, parlando di dati certi e non di molte cliniche nascoste e non ufficiali, risultano attive quasi seimila strutture residenziali private accreditate e altri milletrecento centri RSA pubblici. Migliaia di persone che in questo momento vengono consapevolmente lasciate indietro…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui