Coronavirus, Martella: sanzioni per evitare diffondersi di fake news

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:17

Il sottosegretario all’Editoria Andrea Martella ha dichiarato che è essenziale prevedere sanzioni per evitare il diffondersi delle fake news in un momento già delicato per la lotta al Coronavirus. 

Coronavirus, Martella- sanzioni per evitare diffondersi di fake news (Getty) - meteoweek.com
Coronavirus, Martella- sanzioni per evitare diffondersi di fake news (Getty) – meteoweek.com

Il sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella, è stato intervistato dalla testata online Articolo 21 sulla diffusione delle fake news durante l’epidemia di Coronavirus, che sta creando danni all’intera comunità di cittadini.

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE DI CRONACA >  CLICCA QUI

Dobbiamo studiare seriamente un’iniziativa istituzionale, forse anche un meccanismo sanzionatorio più efficace per evitare il diffondersi delle fake news. Sono convinto che queste vadano combattute con forza, intervenendo a vari livelli“, ha affermato Andrea Martella.

LEGGI ANCHE > Coronavirus rallenta il Ponte di Genova: 50 operai in quarantena

Il sottosegretario all’editoria ha raccontato, durante l’intervista, che si sono rese necessarie delle iniziative contro chi crea notizie false, perché aumentano la paura e creano uno stato d’allarme e isteria collettiva in un momento già psicologicamente difficile da affrontare per tutti, cittadini e politici.

LEGGI ANCHE > La denuncia di Cirio: “Piemonte in difficoltà, ci servono nuovi mezzi”

Ciò significa ad esempio rafforzare il già importante ruolo della Polizia postale nell’individuazione delle ‘fonti tossiche’ e, al tempo stesso, fare leva sull’attività di debunking, di smascheramento delle notizie false. I responsabili di questa informazione nociva devono sapere che, a fronte di un danno procurato alla comunità, corrisponde un dazio certo da pagare”, ha proseguito Andrea Martella.

Coronavirus, Martella- sanzioni per evitare diffondersi fake news (Getty) - meteoweek.com
Coronavirus, Martella- sanzioni per evitare diffondersi fake news (Getty) – meteoweek.com

In effetti sono diversi giorni che circolano notizie false e potenzialmente dannose sul web. E sono già molti gli esperti di comunicazione e gli psicologi che hanno dichiarato che l’infodemia potrebbe essere addirittura peggio dell’epidemia. In questo momento online circolano troppe notizie e buona parte di esse sono contraddittorie, quando non palesemente false. Ciò comporta un rischio di panico diffuso tra le fasce più deboli della popolazione.

LEGGI ANCHE > Coronavirus, denunce al “Don Gnocchi” di Milano: parte l’indagine

Molti, tra i più giovani e una buona parte degli anziani, non hanno spesso gli strumenti per capire la veridicità delle notizie lette e fanno difficoltà a individuare fonte sicure e attendibili, e sono già ampiamente provati dagli effetti del distanziamento sociale necessario per combattere la diffusione del Coronavirus.