Un altro afroamericano morto a causa di un poliziotto: spunta il video

L’episodio sarebbe avvenuto lo scorso 3 marzo a Tacoma, nello stato di Washington. Il giovane afroamericano Manuel Ellis è stato aggredito, anche se la tesi della polizia è opposta.

manuel ellis afroamericano ucciso

Nei giorni in cui è esplosa, purtroppo non solo in maniera pacifica, la protesta contro i delitti di stampo razziale, viene fuori un nuovo caso. Un altro delitto che ha visto coinvolto un ragazzo afroamericano, che sarebbe morto per mano di un agente di polizia. Il ragazzo in questione si chiamava Manuel Ellis e si è spento lo scorso 3 marzo a Tacoma, nello stato di Washington. Anche in questo caso è stato tirato in ballo un poliziotto, come è avvenuto la scorsa settimana per quanto riguarda la morte di George Floyd. E si tratta di un altro caso in cui si ha a che fare con tesi in pieno contrasto.

Ma andiamo con ordine. In questi giorni gli Stati Uniti sono invasi dai manifestanti che chiedono giustizia per George Floyd. Nella giornata di ieri, tra i cortei di protesta contro i delitti di stampo razzista, sono venuti fuori altri personaggi che hanno vegliato per un’altra presunta vittima degli agenti di polizia violenti. Manuel Ellis, infatti, è un altro afroamericano che sarebbe stato ucciso da un poliziotto. Anche se, almeno per il momento, il processo avviato per la sua morte prevede la tesi dei colleghi dell’agente imputato, i quali parlano di un’aggressione operata dallo stesso Ellis.

Daniel Ellis – meteoweek.com

Tuttavia, ad aggravare la posizione dell’agente accusato di aver fatto morire l’afroamericano, sarebbe spuntato un video. Alcuni secondi che inchiodano l’agente e che lo vedono infierire su Manuel Ellis, dopo che era stato scagliato a terra con violenza. “Smettetela di colpirlo, o mio Dio smettetela!”, si sente dalla voce fuori campo di una donna, probabilmente l’autrice del video. Queste immagini sarebbero poi state girate al New York Times, che ha reso nota la storia proprio nel giorno in cui la protesta per l’uccisione di Ellis si è unita a quella scoppiata da una settimana per la morte di Floyd.

Leggi anche -> Migranti, in fiamme i barconi usati per arrivare a Lampedusa

Leggi anche -> Estorsione al Vaticano, saccheggiati i soldi dei poveri dell’Obolo di S. Pietro | spariti 300 milioni

Stando a una prima ricostruzione dei fatti, avvenuta proprio nei giorni precedenti all’inizio del processo, Daniel Ellis è stato avvicinato da alcuni agenti di polizia. Si trovava in giro per Tacoma, all’apparenza senza assumere alcun comportamento che potesse dare nell’occhio o attirare l’attenzione degli agenti. Questi, però, hanno deciso di aggredirlo e di scaraventarlo a terra, facendogli anche del male. Uno dei poliziotti, nonostante tutto, ha deciso di infierire e ha portato alla morte del ragazzo afroamericano. Un altro delitto da svelare e che potrebbe far montare ulteriormente la protesta.