Francia, si dimette il premier conservatore Edouard Philippe

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:03

Separazione consensuale tra il premier francese Philippe ed il Presidente della Repubblica Macron, già a lavoro per formare un nuovo Esecutivo “green”.

Dimissioni premier francese Edouard Philippe

Questa mattina il primo ministro Edouard Philippe si è dimesso. Il capo del governo francese ha rassegnato le sue dimissioni all’Eliseo, aprendo la strada ad un nuovo Esecutivo e la nomina di un nuovo premier arriverà già “nelle prossime ore”. Secondo “Le Figaro”, il presidente Emmanuel Macron, dovrebbe lavorare alla formazione della squadra di governo nel fine settimana ed il nuovo esecutivo potrebbe vedere la luce entro mercoledì 8 Luglio, data del prossimo Consiglio dei Ministri.

Dopo le elezioni municipali in cui il partito di Macron ne è uscito decisamente bastonato, i media transalpini già parlavano di un possibile rimpasto governativo, ma non era ancora chiaro se Philippe ne avrebbe fatto parte o meno. Macron aveva annunciato una virata ecologista da qui alla fine del suo mandato (prevista nel 2022) e Philippe, che fu dal 2007 al 2010 il responsabile delle relazioni istituzionali di Areva, allora il colosso nucleare pubblico francese, non ha in effetti una fibra ambientalista.

Negli ultimi mesi era salito nei sondaggi, a differenza di Macron e non solo: Philippe è stato eletto sindaco nella sua città, Le Havre, con il 59% dei voti. Nelle inchieste d’opinione la maggioranza dei francesi voleva un rimpasto e un cambio di politica da parte di Macron ma era sempre la maggioranza a chiedere che l’attuale premier restasse al suo posto. Liberarsi di lui è stato per Macron rischioso, ma doveroso.

Come successore del premier, la rosa dei possibili candidati comprende: l’attuale ministro degli Esteri Jean Yve Le Drian, ma anche la ministra della Difesa, Florance Parly. Philippe potrebbe ripresentarsi più avanti, puntando alle presidenziali del 2022 o del 2027.