Home Cronaca Covid, aumento di casi e torna il lockdown in California

Covid, aumento di casi e torna il lockdown in California

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:09
CONDIVIDI

Il governatore Gavin Newsom ha ordinato la chiusura delle attività non necessarie in California a causa di un’impennata di nuovi casi di Coronavirus

 (Photo by John Moore/Getty Images)

I contagi in America sembrano non arrestarsi e la California torna nella fase di lockdown. Le autorità hanno deciso di chiudere i servizi non necessari a causa di un aumento preoccupante dei contagi da coronavirus. Sotto l’ordine del governatore Gavin Newsom i ristoranti, i bar, i cinema, i teatri, le palestre, i musei e i luoghi di culto dovranno rimanere chiusi. Stessa regola vale anche per gli zoo.

Il primo luglio lo stesso governatore aveva richiesto la chiusura delle attività per ristoranti, cantine, zoo e i centri di intrattenimento per le famiglie quali piste da bowling e minigolf. Nella giornata di lunedì 13 luglio, è stata fatta richiesta di estendere l’ordine di chiusura in tutto lo Stato, compresi centri commerciali al coperto e uffici per industrie non critiche.

Domenica la California ha registrato 8.358 casi nuovi di covid e un aumento dei ricoveri in ospedale del 28 % nelle giro di due settimane e il 20% ha bisogno di cure intensive

La situazione Covid

I casi aumentano dappertutto in America anche in grandi aree come Los Angeles e Baia di San Francisco. L’Oregon impone alle persone di indossare le mascherine anche all’aperto. In America Latina la situazione è drammatica: ha superato l’America del Nord per numero di morti ed è divenuta la seconda più colpita al mondo dopo l’Europa. Il Messico è diventato il quarto Paese nel mondo per numero di morti a causa del Coronavirus, superando così anche l’Italia. Anche l’India registra il suo nuovo record con 28.701 nuovi casi e un totale di 23.174 morti.

Olimpiadi rimandate

Il governatore di Tokyo, Yuriko Koite, ha annunciato che le Olimpiadi si faranno come simbolo dell’ unità di tutti i Paesi contro il Coronavirus. Il Giappone è sicuramente uno dei Paesi meno colpiti. Le Olimpiadi si sarebbero dovute tenere nel mese di luglio ma sono state cancellate e rimandate al prossimo anno, il 2021. Il governatore contro il parere di tutti, è convinto che il prossimo anno non ci saranno problemi e si potranno disputare i giochi.