Due cadaveri in una villetta: ipotesi di omicidio-suicidio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:27

I corpi di un uomo e una donna sono stati trovati in una villetta in provincia di Vercelli. Secondo le prime ricostruzioni si tratta di un caso di omicidio-suicidio.

Due cadaveri in una villetta

Questo pomeriggio sono stati trovati i corpi di due persone anziane: un uomo e una donna, rispettivamente di 76 e 73 anni, nella camera da letto di una villetta in via Borgo Vercelli a Villata, in provincia di Vercelli. L’uomo e la donna, da quanto si apprende, non erano sposati ma avevano una relazione. Nella villetta ha sede la ditta Ferraris Design, rinomata azienda artigianale specializzata nella progettazione e produzione di posateria e altri oggetti che vengono prodotti in serie da aziende come Sambonet, Broggi 1818 e Ashanti. Osvaldo Ferraris, la vittima e proprietario dell’appartamento, era molto conosciuto a Villata per la sua attività ed era stato insignito della Stella al Merito del lavoro e del Villatino d’oro.

Secondo le prime ricostruzioni, a lanciare l’allarme sarebbe stata la figlia di uno dei due dopo aver visto i corpi riversi a terra privi di vita. Sul posto sono intervenuti la polizia scientifica e i carabinieri, insieme con il medico legale e il magistrato. Presente davanti al cancello della villetta anche il sindaco del comune: Franco Bullano. Adesso la zona è transennata. Sul corpo di entrambi sono state trovate ferite da colpi d’arma da fuoco. Da qui l’ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine che si tratti di un caso di omicidio-suicidio, un’ipotesi che prende sempre più forma. La casa, difatti, non presentava nulla in disordine, o almeno apparentemente e sulla porta dell’abitazione non sono stati trovati segni di effrazione. Tuttavia, la dinamica dell’accaduto è ancora tutta da chiarire. Nell’alloggio i carabinieri hanno trovato una pistola di proprietà dell’uomo e regolarmente denunciata.

Inoltre, secondo alcune indiscrezioni, in mattinata sarebbero stati sentiti alcuni colpi d’arma da fuoco provenire dalla zona, mentre nessuno avrebbe sentito urla o altri rumori provenire dalla casa di una coppia descritta come tranquilla. Titolare del fascicolo è ora il magistrato Maria Giovanna Compare, mentre la polizia scientifica si è occupata dei rilievi e della ricostruzione della dinamica.