Home Cronaca Muore in ambulanza per diagnosi sbagliata: condannati due medici

Muore in ambulanza per diagnosi sbagliata: condannati due medici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:19
CONDIVIDI

Paziente morto in ambulanza per diagnosi sbagliata, condannati due medici ad Arezzo. Il caso rischiava l’archiviazione, ma oggi è arrivata la sentenza: otto mesi per omicidio colposo.

Arezzo medici condannati
Arezzo medici condannati – foto di repertorio

Nuovi sviluppi per il caso che ha rischiato di essere archiviato alcuni anni fa: due medici sono stati oggi condannati, dal tribunale ad Arezzo, a 8 mesi per omicidio colposo. I due sbagliarono una diagnosi a un paziente che ai tempi dei fatti (si parla dell’anno 2013) aveva 69 anni, e che morì in seguito alle relative complicanze.

Il legale dei familiari della vittima, Simone De Fraja, si era opposto all’archiviazione del caso fino a che il Gip Piergiorgio Ponticelli non ha infine disposto l’incriminazione coatta, che ha portato all’attuale sentenza. La conclusione del processo arrivata oggi si è tenuta davanti al giudice Ada Grignani e al pm Luigi Niccacci.

Medici sbagliano diagnosi, muore 69enne di Arezzo

La vicenda legata alla morte del paziente 69 anni è stata ricostruita oggi in aula, durante la sentenza. I fatti risalgono al mese di marzo 2013, quando il 69enne – che era in attesa di un intervento urgente per la rimozione di un aneurisma – accusò forti dolori alla schiena. All’alba del 21 marzo venne accompagnato dai suoi famigliari al pronto soccorso dell’ospedale della Fratta a Cortona (Arezzo), con già una radiografia che evidenziava il sospetto aneurisma.

medico ospedale
foto di repertorio

Nonostante la documentazione e i dolori riportati dall’uomo, però, il medico che lo esaminò lo dimise, prescrivendogli degli antidolorifici per una lombosciatalgia e fissando un esame ecografico per il pomeriggio del giorno stesso. Nel pomeriggio il 69enne si recò di nuovo in ospedale, dove uno specialista – riconosciuto il sospetto aneurisma all’aorta – lo mise in lista d’attesa per l’intervento di rimozione, senza però inserirlo tra le urgenze.

LEGGI ANCHE: La morte di Stefano, a 12 anni caduto nel pozzo: la botola chiusa ha ceduto

Sono bastate allora poche ore per far precipitare irrimediabilmente le condizioni dell’uomo. La sera stessa, all’aumentare dei dolori, le figlie preoccupate del 69enne chiamarono immediatamente il 118. Il medico e i soccorsi giunti sul posto tentarono di rianimare l’uomo, ma qualsiasi sforzo fu vano: il paziente morì in ambulanza.

LEGGI ANCHE: Zanardi, non diremo più nulla su di lui, i medici hanno deciso

Immediata, allora, la deuncia da parte dei famigliari della vitima. Fu il pm Ersilia Spena a chiedere l’archiviazione del caso, ma la parte civile (tutelata dallo studio di Roberto e Simone De Fraja) fece opposizione, fino a che il gup del tribunale di Arezzo Piergiorgio Ponticelli non ordinò l’imputazione coatta sia per il medico del pronto soccorso che per lo specialista. Oggi arrivata infine la condanna a 8 mesi per entrambi.