Home Economia Voli cancellati, ecco come ottenere il rimborso da Alitalia

Voli cancellati, ecco come ottenere il rimborso da Alitalia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00
CONDIVIDI

Alitalia ha reso note le procedure per la richiesta di rimborso sui voli cancellati a partire dal 3 giugno 2020. Saranno infatti messi a disposizione dei consumatori diversi canali di comunicazione, e le stesse procedure saranno applicate anche da Volotea.

rimborso voli cancellati Alitalia
rimborso voli cancellati Alitalia – foto di archivio

Secondo quanto si apprende, dopo le varie denunce dei consumatori mosse a Alitalia, e l’indagine dell’Antitrust, la compagnia area si è impegnata a rimborsare i biglietti per tutti i voli cancellati dal 3 giugno in poi, con una procedura automatica. Saranno infatti messi a disposizione dei consumatori diversi canali di comunicazione, sia fisici che elettronici (via telefono o internet). Analoghi impegni saranno assunti anche dalla compagnia low cost spagnola Volotea, che ha affermato di aver già potenziato i call center. Ma ecco dunque come richiedere il rimborso dei propri biglietti aerei Alitalia.

Come ottenere il rimborso

Come spiegato dal Sole 24 Ore – che è entrato in contatto con fonti interne alla compagnia italiana – è possibile richiedere il rimborso per i biglietti di voli programmati dal 3 giugno in poi, ovvero dalla data in cui è intervenuto l’Enac a contestare le norme sui voucher. Fino al 3 giugno, infatti, i voli cancellati causa Covid sono coperti dal decreto Cura Italia.

Il decreto ha dunque stabilito che, a partire dall’11 marzo 2020, i biglietti per voli cancellati a seguito della pandemia possono essere sostituiti da voucher offerti in maniera uniltaerale dalle compagnie. Validi 12 mesi, questi voucher permettono di ottenere altri biglietti, e soltanto alla scadenza di tale periodo i passeggeri hanno diritto al rimborso in denaro in caso di inutilizzo.

rimborso da Alitalia
rimborso da Alitalia – foto di archivio

Dal canto suo, Alitalia ha confermato di aver messo a disposizione dei canali di comunicazione rapidi per garantire ai clienti una procedura più efficiente. Tra i canali, si conta la comunicazione via mail che darà ai clienti il link di acceso al sito di Alitalia, con tutte le relative informazioni più modulo da compilare per chiedere il rimborso o il voucher (valido 18 mesi). Si potrà accedere al sito anche a prescindere della ricezione della mail, per seguire quanto poi riportato sotto “Informazioni importanti per i passeggeri”. Saranno guidati in modo automatico nella scelta.

LEGGI ANCHE: Bonus Mobilità: il 6 agosto ultimo passaggio, apertura piattaforma entro fine mese

LEGGI ANCHE: Migranti, arrivate altre 250 persone: l’hotspot di Lampedusa sta scoppiando

Per i voli cancellati dal 3 giugno in poi, si potrà chiedere ad Alitalia un’altra prenotazione entro 7 giorni senza costi aggiuntivi (sempre tramite voucher), oltre che chiedere il rimborso. Nel caso del rimborso, questo avverrà in denaro e verrà elargito senza aspettare la scadenza dei 18 mesi. Nel caso di rimborso via voucher inutilizzato, questo potrà essere rimborsato entro 12 mesi.

Altri canali per ottenere il rimborso sono chiaramente le agenzie di viaggio, ma resta anche la possibilità di telefonare al call center di Alitalia per avere più informazioni e chiedere di avviare la procedura.