Home Cronaca Coronavirus nel mondo, il mostro invisibile che avanza: 20 milioni di contagiati

Coronavirus nel mondo, il mostro invisibile che avanza: 20 milioni di contagiati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:43
CONDIVIDI

È il nuovo dato diffuso nella notte dalla Johns Hopkins University. Le vittime sono 733.897. Un quarto dei contagiati negli Stati Uniti.

Coronavirus nel mondo un quarto dei contagi negli Stati Uniti

Il numero di persone contagiate dal coronavirus in tutto il mondo ha superato i 20 milioni: sono i risultati di un conteggio della Johns Hopkins University (USA), che riporta anche 733.897 morti fino ad oggi.

Un quarto di casi negli Stati Uniti

I casi confermati sono ora 20.001.019. Il Paese con il maggior numero di contagi rimane quello degli Stati Uniti con 5.085.821 (25,4% del totale), subito dopo arriva il Brasile con 3.057.470 (15,2%), l’India con 2.215.074 (11%), la Russia con 890.799 (4,4%) ed il Sudafrica con 563.598 (2,8%). Nei primi 10 posti, ci sono Messico (480.278), Perù (478.024), Colombia (387.481), Cile (375.044) e Iran (328.844). Sono stati riportati i primi 5 milioni di casi in tutto il mondo, il 21 maggio, raggiunti i dieci milioni il 28 giugno, mentre invece i 15 milioni sono stati superati il 22 luglio, questo il trend che ha confermato l’accelerazione della pandemia.

Coronavirus nel mondo un quarto dei contagi negli USA

I decessi nel mondo

I casi di decesso sono 733.897 in totale, anche gli Stati Uniti sono in testa con 163.370, seguiti dal Brasile con 101.752, dal Messico con 52.298, dal Regno Unito con 46.611 e dall’India con 44.386. Italia (35.209), Francia (30.327), Spagna (28.576), Perù (21.072) e Iran (18.616).

Usa: ipotesi blocco cittadini all’estero con sospetto contagio

È in valutazione da parte dell’amministrazione Usa una misura per bloccare il ritorno a casa dei cittadini e dei residenti permanenti degli Stati Uniti se si sospetta che siano stati contagiati dal coronavirus: lo ha riferito un alto funzionario statunitense a Reuters, confermando così le indiscrezioni del NY Times. Il funzionario ha dichiarato che una bozza di regolamento, che non è stata definita e che potrebbe cambiare, darebbe al governo l’autorizzazione a bloccare coloro che potrebbero in modo concreto temere di aver contratto il Covid 19.


Leggi anche -> Sparatoria e allarme fuori dalla Casa Bianca. Trump viene portato via dalla sicurezza

Leggi anche -> Lamorgese annuncia: “Decreto immigrazione chiuso e nuova nave quarantena in arrivo”


Brasile flagellato dai morti

Sono stati registrati in Brasile ulteriori 703 decessi e 22.048 nuovi contagi nelle ultime 24 ore. È stato comunicato in serata dal Consiglio nazionale del segretario della sanità (Conass). È così salito a 3.057.470, il numero complessivo dei casi di Covid-19 nel Paese, ed il totale delle vittime ha invece raggiunto quota 101.752.

Coronavirus nel mondo un quarto dei contagi negli Stati Uniti Brasile

Tunisia, i contagi crescono e viene proposto in entrata il test obbligatorio

Lo ha reso noto il ministro della Sanità di Tunisi in un comunicato, la Tunisia ha registrato nelle ultime 24 ore altri 20 nuovi contagi da Covid-19 che hanno portato a 1717 il totale dei casi confermati nel Paese nordafricano. È stato precisato che i decessi rimangono stabili a 51, i guariti salgono da 1263 a 1265, con 401 persone attualmente positive sull’intero territorio.

Coronavirus nel mondo un quarto dei decessi negli Stati Uniti Tunisia nordafrica preoccupano casi locali

Preoccupazione per i casi “locali”

Le autorità sanitarie sono preoccupate a causa dei nuovi casi “locali” che emergono con una certa regolarità, in particolare a Kairouan, dove la situazione, dalle autorità sanitarie, è stata definita “pericolosa”.  I contagi totali recensiti in ultimoi sono 17, quelli “importanti” 3. Da quando la Tunisia, ha riaperto le frontiere lo scorso 27 giugno i casi sono più che decuplicati. Tra le misure proposte dal Comitato per la malattie nuove ed emergenti al Consiglio dei ministri vi è anche l’introduzione del test covid-19 obbligatorio per chiunque entri sul territorio, indipendentemente da quale Paese arrivi.

Cina 44 nuovi casi

Sono 44 i nuovi casi di Covid-19 in Cina, 31 dall’estero e 13 a livello locale, cinque in meno rispetto al giorno precedente. I 13 casi locali sono stati registrati nella provincia nord-occidentale dello Xinjiang, luogo in cui più tre settimane fa era stato rilevato un focolaio.

Coronavirus nel mondo un quarto dei casi negli Stati Uniti Cina

Positivi dall’estero

Sono stati diagnosticati positivi i viaggiatori provenienti dall’estero nelle province di Shaanxi (nord-ovest, 9), Shanghai (est, 8), Shandong (est, 6), Canton (sud, 3), Gansu (ovest, 2), Hebei (nord, 1), Heilongjiang (nord-est, 1) e Zhejiang (est, 1). Le autorità sanitarie hanno anche specificato che 52 pazienti, portando il numero totale di infezioni attive nella Cina continentale a 794, di cui 44 rimangono in gravi condizioni. La Commissione sanitaria nazionale non ha annunciato nuovi decessi per Covid-19, quindi la cifra è rimasta a 4.634, tra gli 84.712 infetti ufficialmente diagnosticati in Cina dall’inizio della pandemia. Per quanto riguarda invece le persone infette ma asintomatiche, sono stati registrati in Cina 17 nuovi casi e il numero totale in queste condizioni, sotto osservazione, sale a 285.