Home Politica Dl agosto: discoteche chiuse ed obbligo di mascherina anche all’aperto

Dl agosto: discoteche chiuse ed obbligo di mascherina anche all’aperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:38
CONDIVIDI

In arrivo lo stop alle discoteche e l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici. Speranza: “Serve massima prudenza. Priorità riaprire le scuole”.

Il ministro della Salute, l’onorevole Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza che entra in vigore nel tardo pomeriggio di oggi 17 agosto 2020, e sancisce la chiusura delle discoteche sia all’aperto, sia al chiuso, nonché l’obbligo dalle ore 18.00 alle ore 06.00 di utilizzare le mascherine anche all’aperto. All’interno del testo del decreto, è inoltre ben specificato come tale ordinanza, si applichi a tutto il territorio nazionale, senza ammissione di deroghe da parte delle singole Regioni. “I numeri del contagio in Italia, anche se tra i più bassi in Europa, sono in crescita. Non possiamo vanificare i sacrifici fatti nei mesi passati. La nostra priorità deve essere riaprire le scuole a settembre in piena sicurezza”, ha sottolineato il ministro. “Restiamo uno dei Paesi più sicuri al mondo per la sicurezza sanitaria; questa condizione non è casuale ma figlia dei sacrifici che abbiamo fatto e che vanno difesi. Ora è il momento di andare avanti ma limitando al massimo le attività che presuppongono contatti fisici e assembramenti incontrollabili, dice il ministro Boccia. Utilizziamo il passaggio parlamentare del dl agosto per ristorare le attività che subiranno perdite”.

La decisione del Governo è stata presa in seguito alla crescita costante dei numeri del contagio da Covid-19 sia a livello internazionale che nazionale e si è toccata con mano l’impossibilità di prevenire l’assembramento all’interno dei locali della movida, documentata anche dai numerosi video postati sui social, in cui si vedono orde di giovani e non, completamente ammassati l’uno all’altro senza alcuna protezione. Immediate le repliche e le polemiche sia dall’opposizione, capitanata da Salvini, per il quale “il Covid arriva dall’estero e dai clandestini”, sia dei gestori dei locali che lamentano cali del fatturato di oltre 4 miliardi di euro. Proprio questi ultimi sperano che saranno dati loro dal Governo degli incentivi concreti per superare questo momento di ennesima difficoltà, con la rapidità con cui sono stati costretti a chiudere i battenti dei loro locali, nel bel mezzo dell’estate.

LEGGI ANCHE –> Fornaro sul dl agosto: “il Governo mette al primo posto la salute degli italiani”

LEGGI ANCHE –> Apertura delle scuole a rischio a causa dell’aumento contagi