Inferno di fuoco a Palermo, oltre 400 gli evacuati

Un devastante incendio nella notte ad Altofonte (Palermo), partito da quattro punti nei boschi, iniziato intorno alle 22 di sabato.

Incendio a Palermo evacuate 400 persone

Sono state evacuate oltre 400 persone per l’incendio che nella notte di sabato ha colpito la zona di Altofonte a Palermo. I vigili del fuoco sono riusciti a domare le fiamme solo in mattinata, grazie all’assistenza di numerose squadre giunte in soccorso insieme alla forestale e ai volontari della protezione civile. Sono oltre 60 gli uomini intervenuti per poter domare il terribile rogo.

I vigili del fuoco hanno spiegato che «Tutto il personale dei vigili del fuoco e gli interventi sono stati gestiti dal Posto di Comando Avanzato allestito presso il campo sportivo del comune di Altofonte, che ha fatto da punto di riferimento anche per la popolazione assicurando loro assistenza, in quanto a causa dell’incendio si è reso necessario l’evacuazione di oltre 400 persone dalle rispettive abitazioni poiché minacciate dalle fiamme». «Sul posto anche 3 ambulanze per garantire laddove necessario il soccorso sanitario- ha dichiarato il Comandante Provinciale Agatino Carrolo- Le operazioni di spegnimento sono state rese difficoltose per il forte vento di scirocco da sud-sudest con raffiche fino a 50/60 km/h».


LEGGI ANCHE:


Incendio a Palermo evacuate 400 persone

Il sindaco Angela De Luca

Il sindaco Angela De Luca ha parlato di «situazione gravissima» e ha invitato i cittadini che abitano sotto il bosco «ad allontanarsi subito dalle abitazioni». E’ intervenuto anche l’assessore regionale Salvatore Cordaro: «Tutti i mezzi e gli uomini disponibili sono impegnati sul fronte del fuoco. Stiamo facendo tutto il possibile».

«Stanotte perderemo la Moharda. Perderemo il nostro polmone e la nostra fonte d’acqua. Saremo indignati per tutta la notte e continueremo a vedere video e foto. Domattina alle 6 arriveranno i canadair ma sarà troppo tardi. Tutto studiato alla perfezione». Quanto ha scritto nella notte su facebook la Pro Loco di Altofonte. «Domani vedremo solo foto di devastazione. Cenere ovunque. Anche sulle nostre case- ha dichiarato la Pro Loco- Assassini, criminali o idioti? Gente che lucra o esseri indegni? Poco importa. A che è servito promuovere negli anni il nostro territorio, se stanotte abbiamo preferito la distruzione? A che serve lottare per la nostra acqua se nemmeno ci interessa? A che serve difendere i nostri diritti? Solo tristezza, infinita. Scusaci Moharda».