Tavolata senza mascherine, 14 positivi e 150 vigili urbani in quarantena

Tavolata senza mascherine, 14 positivi e 150 vigili urbani in quarantena. Un vigile aveva festeggiato un evento

Tavolata senza mascherine, 14 positivi e 150 vigili urbani in quarantena
Tavolata senza mascherine, 14 positivi e 150 vigili urbani in quarantena

Quattordici vigili urbani sono positivi al Coronavirus e altri 150, appartenenti alla stessa unità operativa, sono in quarantena. È accaduto a Napoli, dove la sezione San Lorenzo (la più grande della città) con 150 agenti che si occupano di una grande parte di Napoli, dopo la scoperta dei positivi, è ora chiusa. Tutto ha avuto inizio l’8 settembre scorso, quando un vigile è risultato positivo al Covid. Dato che non andava in ufficio da giorni, nessuno si è allarmato.

Dopo questo episodio, apparentemente isolato, un vigile ha festeggiato un evento e ha invitato tutti i colleghi. La tavolata era molto grande, i contatti stretti, mascherine assenti. Dopo 2 giorni ai vigili viene data la possibilità di eseguire il tampone. 17 decidono di farlo e 5 di loro risultano positivi. Dato che quei 5 avevano lavorato con altri colleghi, è scattata la procedura di emergenza, unità chiusa e tampone a tutto lo staff.

Leggi anche:—>Inchiesta soldi da Lega a parlamentari, c’è anche Vannia Gava

Leggi anche:—>Covid-19, Trump: “Vaccino potrebbe essere pronto tra 3-4 settimane”

Dopo il tampone, sono venuti fuori 14 casi di positività. Anche per chi è negativo è scattata la quarantena poiché l’esame potrebbe essere stato eseguto con tempi troppo ravvicinati e il virus potrebbe essere nascosto. L’associazione “Vivere il Quartiere” chiede tramite il suo presidente Enrico Cella di sapere “quali sono stati i contatti dei vigili con la cittadinanza, in quali case sono andati a presentare notifiche, a quanti automobilisti hanno controllato i documenti, in quali aree sono stati di servizio. Non possiamo permettere che un solo cittadino possa trovarsi contagiato per avere avuto contatti con una persona in divisa“.

Il problema poi è anche di controllo:”Con 150 uomini in meno, in zone calde come il Vasto e i Decumani, chi garantirà la tutela del territorio?”, si chiede Cella. L’assessore alla Polizia Municipale Alessandra Clemente, rassicura:”Il comandante ha gestito in modo eccellente i casi di Covid-19 scoperti all’interno del corpo. Tutti i movimenti dei vigili sono censiti e le persone che sono state in contatto con positivi sono stati messe in quarantena fiduciaria e sottoposte a tampone. Sedi e auto sono state sanificate. I nostri agenti sono sempre in prima linea e a loro deve andare il nostro ringraziamento. Con grande responsabilità si sta agendo a loro tutela e a tutela della città tutta, per la quale ciascun membro del Corpo, dall’inizio della pandemia, è diventato ancora di più un riferimento distinguendosi in azioni di soccorso, controlli, solidarietà, assistenza”.