Omicidio De Santis: forse una svolta nelle indagini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:25

Forse c’è una svolta nelle indagini sull’omicidio del giovane arbitro salentino Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta.

L’arbitro De Santis, ucciso con la compagna

Un uomo di 37 anni, residente ad Aradeo, è stato convocato in queste ore in Procura a Lecce. Si tratterebbe di un edicolante del posto, che potrebbe essere sospettato di essere l’autore dell’omicidio dell’arbitro Daniele De Santis e della sua fidanzata Eleonora Manta. Il suo nome di battesimo è Andrea: è il nome che alcuni testimoni della palazzina hanno riferito agli investigatori. Lo avrebbero udito urlare da Eleonora Manta rivolgendosi all’assassino, pregandolo di fermarsi. Al momento non è chiaro se venga interrogato come persona informata sui fatti o come indagato. L’autopsia sul corpo di Eleonora Manta, nel frattempo, «ha confermato la ferocia con cui l’omicida si è scagliato contro la donna». Lo ha riferito l’avvocato Fazzini, legale della famiglia di Daniele De Santis, che ha assistito all’esame condotto dal medico legale Roberto Vaglio a Lecce.

Daniele De Santis ed Eleonora Manta

Gli accertamenti medico-legali non sono stati conclusi e proseguiranno nella giornata di domani. Per questa ragione sono stati rinviati i funerali dei due giovani fidanzati, che inizialmente erano previsti per domani. «È stata un’aggressione anomala e cruenta, le famiglie non riescono a capire perché» ha aggiunto l’avvocato Fazzini. «Erano due ragazzi normalissimi – aggiunge l’avvocato – e conducevano una vita tranquilla. Lei aveva da poco vinto il concorso come funzionaria dell’Inps. Le famiglie non riescono a farsene una ragione». L’amministrazione comunale di Seclì, Comune di cui era originaria Eleonora Manta, ha confermato che «contrariamente a quanto previsto, i funerali non si svolgeranno domani 24 Settembre, attendiamo comunicazioni ufficiali». Ieri il sindaco Antonio Casarano e l’amministrazione secliota avevano espresso il cordoglio con un messaggio pubblico. «Una tristezza infinita – hanno scritto – aleggia oggi in ogni cuore dei cittadini di Seclì. Piangiamo tutti Eleonora, la giovane vita spezzata, che rimarrà per sempre nella nostra memoria. Un abbraccio ideale, da Seclì, giunga alla mamma e alla famiglia tutta».