Anche Disney risente della crisi da Covid: 28mila dipendenti licenziati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:04
Disney licenzierà 28mila dipendenti americani nei suoi parchi a tema a causa della crisi economica scaturita dalla pandemia. Lo rende noto la società, precisando che il 67% dei tagli riguarderà lavoratori part-time.
meteoweek
 Da aprile a giugno i ricavi dei parchi sono scesi dell’85% rispetto all’anno precedente a 983 milioni di dollari. L’annuncio, fatto in una lettera rivolta ai dipendenti, ha fatto crollare i titoli Disney, perdendo il 2%.

 E’ stato il presidente della DisneyParks, Experience and Product, Josh D’Amaro, ad annunciare l’importante taglio del personale, rivolgendosi direttamente ai lavoratori. La decisione è stata presa a causa “dell’impatto prolungato del Covid-19 sulla nostra attività, comprese le riduzioni di capacità sui siti, legate all’allontanamento fisico, e le incertezze sulla durata della pandemia”, ha spiegato dispiaciuto D’Amaro.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

I parchi del colosso americano sono stati chiusi la scorsa primavera, quando la pandemia ha iniziato a diffondersi negli Stati Uniti. Quelli in Florida sono riusciti a riaprire quest’estate, mentre in California sono rimasti chiusi per altri mesi. Non è stato però specificato quali saranno i parchi colpiti da questa misura. Quarantatremila i lavoratori già licenziati a causa del coronavirus, a cui la Disney ha continuato a pagare l’assicurazione sanitaria. “Scelta straziante” – “Per quanto sia straziante intraprendere questa azione, questa è l’unica opzione fattibile”, ha spiegato il presidente del colosso americano nella lettera, aggiungendo: “Abbiamo tagliato le spese, sospeso i progetti di capitale, licenziato i membri del cast pur continuando a pagare i benifici e modificato le nostre operazioni per funzionare in modo efficiente per quanto possibile. Tuttavia semplicemente non possiamo mantenere in modo responsabile tutto il personale mentre operiamo con una capacità così limitata”.