Covid, il leghista Zicchieri ricoverato con polmonite: era al comizio di Salvini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:59

Ricovero in ospedale per Francesco Zicchieri, deputato della Lega. Due giorni fa era risultato positivo al coronavirus. Il deputato della Lega era in isolamento, ma le sue condizioni di salute sono peggiorate: in ospedale gli è stata riscontrata una polmonite

Zicchieri, deputato della Lega, positivo al covid – meteoweek.com

Francesco Zicchieri è stato ricoverato all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Il deputato della Lega due giorni fa aveva reso pubblico sui social network che era risultato positivo al coronavirus, senza però riscontrare complicanze. “Sto bene, non ho alcun sintomo” si legge in un suo post su Facebook. Zicchieri dopo aver appreso l’esito del doppio tampone dalla Asl di Latina, si trovava in isolamento domiciliare, attivati tutti i protocolli sanitari previsti. a Da quanto si apprende, tuttavia, nelle scorse ore le sue condizioni di salute sono peggiorate e il leghista è stato trasportato in ospedale per alcuni accertamenti, in seguito ai quali sarebbe emersa una polmonite.

Zicchieri lo scorso 25 settembre ha partecipato all’appuntamento elettorale della Lega per sostenere il candidato Valentino Giuliani, al ristorante Il Tordo di Terracina, dove era presente anche il leader Matteo Salvini. Nel corso del meeting ci sarebbero stati dei presenti con la mascherina abbassata. Sono in corso indagini, ricostruzioni degli spostamenti e, in alcuni casi, tamponi.

Tamponi straordinari per circa 500 persone presenti al meeting elettorale

Tra ieri e oggi la Asl di Latina ha predisposto due drive in straordinari con il coordinamento dell’Uscar per sottoporre a tampone circa 500 persone riconducibili al focolaio del comizio della Lega. “La speranza è che una volta emersi eventuali positivi, il cluster si possa arginare in breve tempo com’è successo per il focolaio del mercato ittico” ha spiegato intervistato da Fanpage.it il direttore generale della Asl di Latina Giorgio Casati.

Leggi anche –> Esce di casa con una tuta ignifuga anti Covid e va a votare. La 102enne: “C’è in gioco la democrazia”

Leggi anche –> Omicidio De Santis, il cappellano incontra il killer: “Non è un mostro”

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Nel frattempo, a seguito dell’aumento dei nuovi casi il sindaco di Latina Damiano Coletta il 5 ottobre scorso ha dato un taglio alla movida notturna firmando un’ordinanza per la chiusura anticipata di bar e locali, prevista al massimo a mezzanotte e 45 per i giorni dal lunedì al giovedì e dal venerdì alla domenica all’1,30. Per quanto riguarda le scuole invece – sempre secondo quanto riportato da Fanpage – l’invito ai presidi è quello di incrementare quanto più possibile il ricorso alla didattica a distanza. La Asl di Latina ha adottato l’obbligo della mascherina anche di giorno lo scorso 23 settembre.