Il mistero del Kamchatka: morti il 95% degli animali marini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:38

Il misterioso “disastro ecologico” in Kamchatka: morti il 95% degli animali marini. Carcasse di foche, polpi, ricci di mare, granchi e pesci ricoprono da diversi giorni le coste della penisola

Disastro ecologico in corso in Kamchatka – meteoweek.com

Carcasse di foche, polpi, ricci di mare, granchi e pesci ricoprono da diversi giorni le coste della lontana penisola russa di Kamchatka, Estremo Oriente Russo, e in particolare la spiaggia Khalatyr, popolare meta di surfisti, e la Baia Avacha, che si affacciano entrambe sull’Oceano Pacifico. Un disastro in corso. Quasi tutta la vita dei fondali marini è stata spazzata via, hanno denunciato gli scienziati incontrando il governatore della regione, Vladimir Solodov dopo una spedizione nell’area. Un “disastro ecologico”, lo ha definito Greenpeace che ha rinvenuto in acqua livelli di prodotti petroliferi “quattro volte superiori” la norma e “2,5 volte più fenolo”.

“Durante le immersioni, abbiamo scoperto la morte di massa degli organismi a 10-15 metri di profondità: il 95 per cento è morto. Alcuni grossi pesci, gamberi e granchi sono sopravvissuti, ma in numero molto ridotto”, ha detto durante l’incontro con Solodov lo scienziato Ivan Usatov. Gli scienziati della Riserva naturale di Kronotskij, dell’Istituto di ricerca della pesca e dell’oceanografia della Kamchatka (KamchatNIRO) e della sede locale dell’Istituto di Geografia del Pacifico hanno inoltre segnalato che la morte degli organismi ucciderà i pesci che se ne nutrono.

“Un disastro ecologico in corso”

“Dopo questa immersione posso confermare che c’è un disastro ambientale in corso. L’ecosistema è stato notevolmente minato e ciò avrà conseguenze a lungo termine, poiché tutto in natura è interconnesso”, ha detto il fotografo subacqueo Aleksandr Korobok, aggiungendo di aver subito ustioni chimiche durante l’immersione.

Leggi anche –> Ciro Migliore, il compagno della ragazza uccisa a Caivano: “Noi come Romeo e Giulietta”

Leggi anche –> Il bidello-scanner: misura la temperatura degli studenti toccando la fronte (VIDEO)

Una testimonianza che, però, non scuote più di tanto il governo russo. Nonostante la denuncia di Morozov e la richiesta di un’inchiesta da parte di Greenpeace, le autorità sostengono che non si siano verificati incidenti industriali o altri eventi anomali nell’area. Il ministro dell’Ecologia russo Dmitrij Kobylkine ha assicurato in un’intervista a Rossija 24 che i valori dei campioni analizzati sono nella norma e che la moria è dovuta a un fenomeno di “origine naturale”.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

“Dopo le tempeste – ha spiegato – c’è un aumento della tossicità dei microrganismi in questa zona che provoca cambiamenti nel (contenuto di) ossigeno”. Inquinamento provocato dall’uomo, fenomeni naturali o un terremoto correlato a un vulcano, sono invece le tre cause prese in considerazione da Solodov, governatore della regione.