Papa Francesco: chiediamo la grazia di essere uomini e donne integri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:41

Papa Francesco: chiediamo la grazia di essere uomini e donne integri. E aggiunge: c’è bisogno di cristiani zelanti di fronte a potere

Papa Francesco (GettyImages)

Papa Francesco torna a parlare all’Udienza generale del mercoledì (per la prima dal lockdown svoltasi nell’Aula Paolo VI) esortando i fedeli a chiedere a Dio la grazia “di essere uomini e donne integri e degni di fede” portando da
esempio la figura di Elia, “uomo integerrimo, incapace di compromessi meschini”. Elia è l’esempio, precisa Francesco, “di tutte le persone di fede che conoscono tentazioni e sofferenze, ma non vengono meno all’ideale per cui sono nate“.

Bergoglio sottolinea quanto si abbia “bisogno di credenti, cristiani zelanti che agiscano davanti a persone che hanno responsabilità dirigenziale con il coraggio
per dire ‘questo non va fatto’, ‘questo è un assassinio'”. 

Leggi anche:—>ll bonus figli slitta al prossimo anno: quali misure hanno la precedenza?

Leggi anche:—>Mattarella: “Ripartenza è decisiva”, ma manca il piano del Recovery Fund

La preghiera non è rinchiudersi con il Signore per truccarsi l’anima, questa è
finta preghiera“, sostiene il Papa, “il banco di prova della preghiera è l’amore
concreto per il prossimo. Nell’animo di chi prega, il senso della propria debolezza è più prezioso dei momenti di esaltazione, quando pare che la vita sia una cavalcata di
vittorie e di successi. I credenti che fanno tante ingiustizie è perché non sono andati dal Signore a pregare“.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Oggi la Chiesa festeggia la Madonna del Rosario e Francesco ha invitato i fedeli “a pregare il rosario, e a portarlo tra le vostre mani o nelle tasche”. Il rosario “è un’arma che ci protegge dai mali e dalle tentazioni. In questo tempo di pandemia, è necessario tenere tra le mani la corona del rosario, pregando per noi, per i nostri cari e per tutti gli uomini“, ha chiosato Bergoglio.