Una preghiera per la vita | Il Vangelo di oggi 7 ottobre 2020

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:33

Nel Vangelo di oggi Gesù ci insegna una preghiera da portare con sé per la vita: il Padre Nostro. Nella giornata di oggi si celebra inoltre la preghiera del Rosario. Ma cosa significano queste preghiere?

preghiera vita
Una preghiera per la vita | Il Vangelo di oggi 7 ottobre 2020 – meteoweek.com

LITURGIA DELLA PAROLA – Mercoledì 7 Ottobre 2020

Beata V. Maria del Rosario (m); S. Giustina; S. Augusto
27.a del Tempo Ordinario
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo
Gal 2,1-2.7-14; Sal 116; Lc 11,1-4

PRIMA LETTURA

Riconobbero la grazia a me data.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Galati 2,1-2.7-14
Fratelli, quattordici anni dopo, andai di nuovo a Gerusalemme in compagnia di Bàrnaba, portando con me anche Tito: vi andai però in seguito a una rivelazione. Esposi loro il Vangelo che io annuncio tra le genti, ma lo esposi privatamente alle persone più autorevoli, per non correre o aver corso invano. Visto che a me era stato affidato il Vangelo per i non circoncisi, come a Pietro quello per i circoncisi – poiché colui che aveva agito in Pietro per farne un apostolo dei circoncisi aveva agito anche in me per le genti –, e riconoscendo la grazia a me data, Giacomo, Cefa e Giovanni, ritenuti le colonne, diedero a me e a Bàrnaba la destra in segno di comunione, perché noi andassimo tra le genti e loro tra i circoncisi. Ci pregarono soltanto di ricordarci dei poveri, ed è quello che mi sono preoccupato di fare. Ma quando Cefa venne ad Antiòchia, mi opposi a lui a viso aperto perché aveva torto. Infatti, prima che giungessero alcuni da parte di Giacomo, egli prendeva cibo insieme ai pagani; ma, dopo la loro venuta, cominciò a evitarli e a tenersi in disparte, per timore dei circoncisi. E anche gli altri Giudei lo imitarono nella simulazione, tanto che pure Bàrnaba si lasciò attirare nella loro ipocrisia. Ma quando vidi che non si comportavano rettamente secondo la verità del Vangelo, dissi a Cefa in presenza di tutti: «Se tu, che sei Giudeo, vivi come i pagani e non alla maniera dei Giudei, come puoi costringere i pagani a vivere alla maniera dei Giudei?».
Parola di Dio.

SALMO RESPONSORIALE (Dal Salmo 116)

R: Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo.
Genti tutte, lodate il Signore,
popoli tutti, cantate la sua lode. R.

Perché forte è il suo amore per noi
e la fedeltà del Signore dura per sempre.
Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo. R.

IL VANGELO DI OGGI – Mercoledì 7 Ottobre 2020

Signore, insegnaci a pregare.
+ Dal Vangelo secondo Luca 11,1-4
Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite: Padre, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno; dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano, e perdona a noi i nostri peccati, anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore, e non abbandonarci alla tentazione».
Parola del Signore.

COMMENTO AL VANGELO DI OGGI – Una preghiera per la vita

Sul Vangelo di oggi e sulla preghiera che Gesù ci ha insegnato ci sarebbe tanto da dire e da scrivere, perché questa preghiera, quella più usata, è proprio quella che ci ha insegnato Gesù, e racchiude in essa tutto ciò che dobbiamo chiedere al Padre.

La preghiera del Padre nostro

Gesù, innanzitutto, ci chiede di chiamare Dio “Padre”. Già solo questo incipit ci fa riflettere su un fatto semplice: che siamo tutti fratelli. Che agli occhi di Dio, tutti abbiamo il valore di figli. Quando Gesù chiede di dire “Sia santificato il tuo nome”, è come dire “sii glorificato in questa mia necessità”; “venga il tuo regno”, cioè tutto concorra al tuo regno in noi e nel mondo; “sia fatta la tua volontà”, ossia pensaci tu. “Dacci oggi il nostro pane quotidiano” sarebbe a dire: provvedi a noi in ogni circostanza, e non farci mancare ciò di cui abbiamo bisogno.

E infine, ci insegna a chiedere di perdonare agli altri, e con la stessa misura in cui perdoniamo, di poter essere perdonati, ricordandoci l’importanza del perdono per poter vivere in pace. Tutto questo chiedendo a Dio di non abbandonarci nella tentazione, nelle prove, nella sofferenza, e di liberarci in definitiva dal male.

In questa preghiera c’è la nostra vita, la nostra eternità, la nostra quotidianità. C’è la grande richiesta dell’uomo a Dio che gli chiede: Padre, pensaci tu!


Leggi anche:


Preghiera per abbandonarsi a Dio e affidargli la propria vita

La Preghiera del Rosario

Oggi è inoltre la festa del Santo Rosario, preghiera che Maria ci ha tanto raccomandato nel tempo. Nostra Signora di Fatima aveva inoltre detto nell’ultima apparizione, il 13 ottobre 1917: «Io sono la Madonna del Rosario».

Aveva detto suor Lucia, una dei tre pastorelli di Fatima: «Non c’è problema, vi dico, per quanto difficile, che non possa essere risolto dalla recita del Santo Rosario. Con il Santo Rosario ci salveremo, ci santificheremo, consoleremo il nostro Signore e otterremo la salvezza di molte anime».

La Madonna indica questa preghiera come strumento per esserle vicino e per chiedere grazie a Dio.