Schianto frontale all’alba: Mauro Farinazzo muore vicino al suo cane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:37

Morto sul colpo, insieme al suo cane, il cacciatore Mauro Farinazzo, 69 anni, di Loreggia dopo un incidente frontale.

Schianto frontale all’alba: Mauro Farinazzo muore vicino al suo cane – meteoweek

Mauro Farinazzo è morto. Questa mattina all’alba l’incidente che gli ha portato via la vita. Accanto a lui il suo cane che non ce l’ha fatta. Inutile l’intervento dei soccorsi, i due se n’erano già andati. Secondo una prima ricostruzione ci sarebbe stato un frontale tra due macchine, l’altro conducente di Chioggia è miracolosamente illeso. Loreggia piange la scomparsa di Mauro Farinazzo, cacciatore professionista. E’ della settimana scorsa, invece, la notizia di un incidente stradale avvenuto verso le 7.30 lungo la tangenziale nel comune di Albignasego. Stando a una prima ricostruzione un automobilista di 84 anni avrebbe imboccato contromano la corsia che porta da Padova verso l’autostrada, provocando il panico.

La manovra avrebbe innescato un tamponamento con il coinvolgimento di altri tre veicoli. Fortunatamente nello schianto nessuno si sarebbe ferito in maniera seria. Non ci sarebbero morti, sebbene si sia reso necessario l’intervento dei soccorsi. L’ottantaquattrenne è ricorso alle cure del pronto soccorso per medicarsi una gamba. Sul posto oltre ai carabinieri è intervenuta una pattuglia della polizia stradale di Bologna. Pesante il bilancio per la circolazione già congestionata della mattina con diverse code e incolonnamenti e persone che hanno impiegato anche un’ora per arrivare al lavoro. L’ottanquatrenne era alla guida di un’Audi Q5 che ha perso il senso di orientamento andando addosso a un camion Iveco condotto da un romeno e successivamente contro una Golf guidata da un 39enne. Nessuno ha subito ferite gravi.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Incidenti Stradali Nord Italia – meteoweek

Incidenti Stradali Nord Italia

Ogni giorno in Italia 9 persone muoiono in seguito ad incidenti stradali e altre 665 rimangono ferite. In tutto nel 2018 le vittime sono state 3.334. I feriti, poco meno di 250 mila. Complessivamente sono avvenuti 172.553 incidenti con lesioni a persone. Secondo le statistiche elaborate a livello locale dall’Aci, Genova (in seguito alla tragedia del Ponte Morandi), poi Bari e Brescia sono le province dove si è registrato l’aumento più alto dei morti della strada. Modena, Foggia, Cuneo e Trento quelle invece dove il numero è sceso in maniera più significativa. Anche in Veneto le statistiche non lasciano spazio a interpretazioni: i numeri sono in aumento ogni mese e dimostrano come questa sia un’emergenza nazionale a tutti gli effetti. La storia di Mauro Farinazzo è quella di tanti altri prima di lui: scomparso all’alba a causa di un incidente frontale. Oggi la polizia dovrà ricostruire l’accaduto stabilendo se lo scontro è avvenuto per un colpo di sonno, una distrazione o una leggerezza.