Vite al limite, ultimo tentativo per salvare Tracey Matthews: un’operazione particolare per lei

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:59

La storia della 44enne Tracey Matthews in Vite al limite sta appassionando il pubblico: ormai per lei l’unica salvezza sembra essere un’operazione particolare e dolorosa.

Sono anni che la donna Tracey Matthews in Vite al limite, non è più autonoma: per la 44enne in cura dal dottor Nowzaradan si è pensato ad un’operazione molto particolare e dolorosa affinché possa riacquistare la mobilità delle gambe. Vedremo come evolve la storia della donna.

Tracey Matthews in Vite al limite: riuscirà a guarire?

La storia della 44enne Tracey Matthews in Vite al limite ha appassionato il pubblico e porta con se anche molta tristezza e speranza di salvare una giovane donna che, ormai da anni, è immobile per via di un grave problema alle gambe.

La donna  soffre di un disturbo chiamato linfedema che si è manifestato sugli arti inferiori. E’ arrivata a pesare più di 300 chilogrammi e riversare tutti i chili in eccesso sulle gambe.

Per questo motivo da anni Tracey non riusciva più a camminare ed essere autonoma: a lei provvedevano il marito e i figli e sono stati proprio loro a contattare il programma, come ultima àncora di salvezza per la donna.

Riuscirà a guarire la paziente? Per lei è in programma un’operazione particolare e molto delicata ma, a quanto pare, l’unica soluzione per la salvezza.

L’operazione delicata e particolare per Tracey

Per salvare la donna dal grave problema di cui soffre e che le toglie mobilità, il dottor Nowzaradan  ha pensato prima che la donna dimagrisse dal suo peso di partenza pari a 300 chilogrammi.

Il problema è che Tracey, però, ha avuto in seguito una ricaduta, prendendo nuovamente peso e portando la situazione al limite, al punto che è stata anche minacciata di essere cacciata dal programma se non fosse dimagrita.

LEGGI ANCHE –>Vite al Limite, Octavia pesava 314 kg: oggi è uno schianto FOTO

LEGGI ANCHE –> Vite al limite, pesava più di 300 kg, Tracey Matthews oggi è irriconoscibile

Questo metodo duro ha permesso, così, alla donna di dimagrire di 80 chilogrammi e di permettere al dottore di sottoporla ad un’operazione molto particolare e delicata agli arti, in modo da alleggerirle di tanto gli arti e permetterle finalmente il movimento.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek