Il virologo: “Follia inseguire gli asintomatici, la situazione è diversa da marzo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:18

Il virologo Giorgio Palù, più volte intervenuto sul nostro giornale, attacca: “Impossibile tracciare gli asintomatici, la strategia deve essere un’altra!”.

Il virologo Giorgio Palù

Caccia ai positivi, anche asintomatici, tramite i tamponi? Sbagliato, almeno secondo il virologo Giorgio Palù: “Ormai i dati ufficiali ci dicono che il 95% dei positivi è asintomatico. Ciò rende del tutto irrazionale e non scientifico voler inseguire gli asintomatici puntando al contagio zero tramite i tamponi molecolari”. Palù, già presidente delle Società italiana ed europea di virologia, stigmatizza fortemente “le code di persone senza sintomi ai drive in”. Il virologo spiega: I risultati del tampone arrivano tardi, dopo qualche giorno, mentre la ‘punta’ di contagiosità è di 2-3 giorni. Oltretutto gli studi ci dicono che oggi i pazienti hanno una bassa carica virale. Quanti sono contagiosi? Ora come ora il tracciamento degli asintomantici è irrealizzabile”. Secondo Palù in questa fase è bene piuttosto implementare i test rapidi antigenici che, “come si legge su un editoriale sul ‘Nejm’, sono molto più predittivi, si fanno in 5 minuti, possono essere ripetuti e sono anche meno invasivi”. E vanno fatti ai “sintomatici e ai loro contatti”.

LEGGI ANCHE -> Il Governo esclude il lockdown, ma per Crisanti si dovrà fare a Natale

LEGGI ANCHE -> Conte: “Timore per le terapie intensive. Lockdown? La scelta alle regioni”

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Quanto alla situazione attuale in Italia, “oggi abbiamo 5.000 ricoverati, il 6% dei positivi, contro i 30mila” del picco a marzo-aprile. “Si tratta in molti casi di soggetti paucisintomatici, e molti sono ricoveri sociali: persone anziane e sole. L’età media dei positivi è di 42 anni. Questo evidenzia ancora una volta che la situazione è ben diversa” da quella vissuta nel recente passato. Palù invita a guardare alla misura più importante, “quella che ci deve allarmare, e che non è più l’indice Rt, basato su sintomatici e ricoverati. Quello che ci deve allarmare è invece l’andamento della curva di riproduzione virale, che è di tipo esponenziale: ormai è un’iperbole. Se l’incidenza cresce, giocoforza aumenteranno i ricoveri e i decessi. E questo – conclude l’esperto – anche se ormai abbiamo visto che Covid ha una letalità relativamente bassa: oscilla tra 0,3 e 0,4%”.