Covid, via a nuovo protocollo Influnet: un solo tampone per chi ha sintomi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:12

La sorveglianza epidemiologica Influnet quest’anno dovrà controllare, oltre a influenza e sindromi simil-influenzali, anche gli eventuali casi di Covid-19. Il nuovo protocollo è pronto a partire.

covid influnet

La nuova ondata di Covid-19 in Italia, arrivata in concomitanza con l’inizio dell’autunno, ha messo i medici di fronte alla necessità di combattere contemporaneamente l’influenza e il virus. I sintomi, infatti, sono i medesimi. Per questa ragione è stato indispensabile applicare delle modifiche al protocollo di sorveglianza Influnet. Esso, coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) con il sostegno del Ministero della Salute da anni, ha da decenni come obiettivo il monitoraggio della circolazione dei diversi tipi, nonchè sottotipi, di virus influenzali. Da quest’anno si occuperà anche del Coronavirus.

Il nuovo protocollo Influnet

Il nuovo protocollo verrà messo in atto a partire dal 12 ottobre e sarà attivo fino al 25 aprile 2021. Esso prevede che i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta che aderiscono alla sorveglianza, detti anche medici sentinella, dopo avere comunicato con i pazienti che presentano sintomi influenzali attraverso il triage telefonico, contattino le Asl di competenza. Quest’ultima ha il compito di attivare il processo tramite cui al malato verrà effettuato un tampone per stabilire se si tratti di semplice influenza stagionale o di Covid-19.

Il numero di medici sentinella verrà inoltre incrementato. L’obiettivo è infatti quello di riuscire a coprire almeno il 4% della popolazione a livello regionale, come si legge nel protocollo operativo pubblicato da Ministero della salute e Istituto superiore di sanità (ISS). Negli scorsi anni, infatti, i medici che hanno aderito alla sorveglianza sono stati soltanto circa 1500, a fronte di una copertura della popolazione del 2%.

I tamponi per il Covid-19

Il tampone non potrà essere fatto dai medici sentinella. Ad occuparsene, infatti, saranno proprio i sanitari della Asl competente a cui il medico di base appartiene. I laboratori di riferimento regionale per la rete Influnet si occuperanno dell’analisi dei tamponi.

covid tamponi

Leggi anche:

Il tampone – sottolinea Antonio Di Bella, membro del dipartimento malattie infettive dell’ISS e curatore del bollettino Influnet – sarà unico. Si tratta di quello che si faceva normalmente gli anni scorsi all’interno della sorveglianza Influnet. Poichè i sintomi di influenza e covid-19 sono simili, si farà un doppio uso del tampone per rilevare la presenza dei virus di entrambe le malattie“.