Da Halloween a Capodanno, le feste che fan paura alle famiglie:”Troppi assembramenti”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:22

Da Halloween a Capodanno, le feste che fan paura alle famiglie:”Troppi assembramenti”. Dopo l’aumento dei contagi

Da Halloween a Capodanno, le feste che fan paura alle famiglie:”Troppi assembramenti”

 

Le feste ormai imminenti che interessano il periodo invernale fanno paura alle famiglie. Halloween, Natale, Capodanno, l’Epifania. Un calendario che spaventa famiglie, virologi e forse persino il Governo poiché sono teatro di assembramenti. La seconda ondata di Covid è ripartita e sta pian piano arrivando il freddo.

Halloween è senz’altro una festa sempre più popolare nel nostro Paese, che i bimbi amano per maschere e costumi nonché il classico dolcetto o scherzetto. È importante pure per i commercianti perché il business legato al 31 ottobre è in costante aumento. Secondo un recente sondaggio della Camera di Commercio, sono circa 330.000 le imprese coinvolte nel giro d’affari inerente la nota festa di origini statunitensi. Quest’anno, secondo quanto riporta Il Messaggero, “al massimo vai nel palazzo a fare dolcetto o scherzetto”, dicono i genitori che temono gli assembramenti. Divieto di feste in casa, corse negli esercizi commerciali, appuntamenti nei parchi.

Leggi anche:—>Doppio studio su Covid: chi è di gruppo sanguigno “0” ha meno probabilità di contrarre virus

Leggi anche:—>Covid, Ricciardi non fa sconti sugli scenari: “Ecco perchè ci aspettano mesi durissimi”

Dopo Halloween vi sarà il ponte dell’8 dicembre (Immacolata Concezione) e di solito si potrebbero organizzare mini viaggi. Tuttavia, essendo tutta un’incognita, nessuno si azzarda a prenotare da qui a oltre un mese, per il timore di un nuovo lockdown.
Stesso timore per Capodanno, Natale.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Ci aspettano mesi difficilissimi”, dice Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute per l’emergenza Covid-19. “Abbiamo 7 armi per evitarlo: distanza, mascherine, igiene delle mani, App Immuni, vaccino antinfluenzale, rafforzamento di terapie subintensive e pronto soccorso, e infine più test e tracciamento con i dipartimenti di prevenzione“.