Scontri Roma, 5 deputati a Lamorgese: Forza Nuova e Casapound vanno sciolti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:09

Paolo Lattanzio, Lia Quartapelle, Erasmo Palazzotto, Rossella Muroni e Alessandro Fusacchia hanno chiesto  lo scioglimento di Forza Nuova e di CasaPound: “Lo chiede la nostra Costituzione”.

Proposta contro CasaPund e Forza Nuova da deputati Movimenta

“Abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare per chiedere al Ministro dell’Interno lo scioglimento di Forza Nuova e di CasaPound. Consideriamo il diritto alla libertà di espressione inviolabile ed è proprio per questo che riteniamo non si possa permettere ad organizzazioni che si rifanno ad una ideologia, quella fascista, che lo nega, di potere legittimamente esistere”: così Paolo Lattanzio, Lia Quartapelle, Erasmo Palazzotto, Rossella Muroni e Alessandro Fusacchia, parlamentari di diverse forze politiche della maggioranza, fanno propria la posizione dell’associazione Movimenta.

“Oggi più che mai bisogna difendere la legittimità di manifestare il proprio dissenso nei confronti di misure che sappiamo bene rappresentare un grande sacrificio per tantissime cittadine e cittadini, ma non possiamo assolutamente accettare che organizzazioni di chiaro stampo fascista infiltrino le manifestazioni pacifiche compiendo atti di guerriglia e violenza. Forza Nuova sta approfittando di un diffuso sentimento di malcontento per alimentare l’odio e la violenza nella società, in un momento in cui invece è necessaria maggiore coesione sociale e responsabilità”: affermano i parlamentari.


LEGGI ANCHE:

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek


“Esistono tutti i presupposti, sociali, giuridici, storici, perché si possa procedere con un il discioglimento di Forza Nuova e di CasaPound, e quanto accaduto nell’ultima settimana ci fornisce semplicemente un ulteriore spunto per avanzare questa richiesta, diventata indiscutibilmente urgente e prioritaria, ritenendo ormai inaccettabile qualsiasi convivenza politica con gruppi neofascisti che la nostra Costituzione ripudia“: concludono le Deputate e i Deputati.