Chiede a due sorelle di indossare la mascherina: accoltellato 27 volte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:06

Un responsabile della sicurezza chiede di indossare la mascherina e due sorelle arrabbiate lo accoltellano per 27 volte.

Chiede a due sorelle di indossare la mascherina: accoltellato 27 volte – meteoweek

Una storia drammatica che coinvolge due sorelle e un vigilantes: il responsabile della sicurezza di un negozio ha chiesto a Jessica e Jayla Hill di indossare la mascherina, ma loro non erano d’accordo. Si  sono accanite su di lui in un negozio di Chicago, nello stato dell’Illinois, negli Usa, accoltellandolo 27 volte. A tirare fuori il coltello è stata la 21enne Jessica Hill, che si è scagliata contro il 32ene sorprendendolo alle spalle. L’uomo ha subito 27 coltellate: mentre una sorella lo teneva per i capelli l’altra lo feriva. Immediatamente i presenti hanno lanciato l’allarme e il vigilantes, come riporta il Sun, è stato portato in ospedale dove si trova in gravissime condizioni. Le due sorelle sono state subito tratte in arresto. Le sorelle sono state portate in ospedale con ferite minori e sono poi state arrestate con l’accusa di omicidio. Ora il tribunale dovrà stabilire le motivazioni reali di quanto accaduto.

Leggi anche -> “C’è il Covid, niente chemio”: così è morta Kelly Smith

Leggi anche -> Covid, tutti positivi i carabinieri in servizio nella zona rossa di Mezzojuso

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

L’allerta sulle mascherine è altissima negli Stati Uniti dove sono oltre 91.000 i nuovi casi secondo il nuovo dato aggiornato della Johns Hopkins University per le ultime 24 ore. Si tratta di una cifra record, la più alta da quando è iniziata la pandemia a gennaio. Nel complesso, il bilancio dei casi  registrati nel mondo ha superato oggi quota 45 milioni, con un incremento di un milione di contagi in soli due giorni. I morti causati dal virus nel mondo sono 1.181.075, mentre le persone guarite sono 30.301.655. La situazione è ancora più drammatica nel Sud America. L’argentina ha registrato nelle ultime 24 ore altri 345 morti legati alla pandemia, raggiungendo quota 30.071. I casi positivi sono stati 13.924, elevando a 1.130.533 il bilancio dei contagiati di otto mesi di emergenza Covid-19. Le persone ricoverate in rianimazione sono 5.037, con una percentuale di occupazione dei letti di questo settore del 64,2% in tutto il Paese e del 62,5% nell’area metropolitana di Buenos Aires. Secondo le autorità sanitarie il 35% dei casi si concentra a Buenos Aires e provincia. Il Presidente americano Donald Trump prossimo alle elezioni politiche, dove si scontrerà con Biden, ha detto che il Paese sta svoltando la curva epidemica. Lo ha precisato in un comizio in Arizona, continuando a insistere sui progressi del Paese nonostante i record giornalieri dell’ultima settimana, che ha registrato complessivamente oltre 500 mila nuovi casi di contagio da Covid-19. La sensazione è che si trattasse di una mossa per rilanciare la propria candidatura dopo che i sondaggi da giorni lo danno perdente. Il 3 novembre gli Stati Uniti saranno chiamati a scegliere i cosiddetti Grandi Elettori che a loro volta eleggeranno il 46esimo presidente della loro storia. Sarà una battaglia interessante che determinerà gli equilibri futuri nel Paese anche in termini di sicurezza, per evitare che storie come quella di oggi non debbano ripetersi.