Roma, manifestazione contro il governo Conte: “Tu ci chiudi, tu ci paghi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:49

Giorno di manifestazione oggi, a Roma: prima il corteo di estrema destra che si è mosso verso Monte Citorio, poi alle 18 la dimostrazione a piazza Indipendenza contro le misure del governo Conte.

manifestazione roma piazza indipendenza
Roma, manifestazione a piazza Indipendenza – fotogramma

Tornano in piazza i precari, i disoccupati, coloro che hanno perso il lavoro e quelli che invece rischiano di perderlo. Si scagliano contro il lockdown, ma non come forma di negazionismo del Covid-19, quanto perché non hanno certezze sulle misure economiche varate dal governo. Iniziata oggi alle 18:00 la manifestazione a piazza Indipendenza, a Roma, sulla scia di quanto già fatto a Napoli. Anche lo slogan è lo stesso, indirizzato dritto al premier Conte: “Tu ci chiudi, tu ci paghi“.

“Noi la crisi non la vogliamo”

Non è una protesta negazionista – anzi, nel comunicato è stato chiaramente specificato: sgraditi negazionisti ed estremisti di destra. L’obiettivo dei manifestanti scesi oggi in piazza Indipedenza, con l’intento di arrivare sotto il ministero dell’Economia e delle Finanze, non è quello di inveire contro il lockdown e gridare al complotto della pandemia. Ciò che i cittadini chiedono al governo è avere misure concrete di sostegno economico, a fronte di restrizioni che hanno messo in seria crisi migliaia di lavoratori italiani.

Le richieste sono quelle di un reddito universale, di una patrimoniale che tassi i milionari e le multinazionali, di uno stop agli sfratti e agli sgomberi, di un investimento massiccio in sanità, scuola e ricerca. Con cori contro il governo Conte, a suon di “Noi la crisi non la vogliamo“, e forte dello slogan “Tu ci chiudi, tu ci paghi”, la protesta sta scaldando in questi minuti una delle piazze più importanti della Capitale.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Scontri a Roma nel pomeriggio

Di tutt’altro tipo, invece, le proteste che hanno caratterizzato Roma nel pomeriggio. Secondo quanto si apprende, infatti, diversi militanti di estrema destra hanno deciso di muoversi da Campo de’ Fiori in un concitato corteo verso Montecitorio. Attimi di tensione, con spintoni e tafferugli, si sono però avvicendati tra i manifestanti e le forze dell’ordine. Un sit-in movimentato, rivolto contro le chiusure previste dall’ultimo Dpcm.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

La situazione si è fatta più accesa quando alcuni dei militanti hanno preso di mira gli agenti. lanciando petardi, fumogeni e altri oggetti contro di loro. Un’ala dei manifestanti si è poi spostata verso piazza Farnese, dove è situata la sede dell’ambasciata di Francia. Dopo che la tensione è stata infine sedata, però, la manifestazione è tornata pacifica e in buona parte calma.