Sisma Turchia, il miracolo: bambina di 4 anni estratta dalle macerie dopo 91 ore

Ayda Gezgin, 4 anni, è stata ritrovata viva in Turchia sotto le macerie del terremoto di venerdì scorso nel mar Egeo. La bambina è stata salvata dopo quasi quattro giorni dal crollo della sua abitazione.

sisma egeo bambina
Ayda Gezgin, 4 anni, recuperata da sotto le macerie del terremoto in Turchia – meteoweek.com

In Turchia continua la corsa contro il tempo per salvare le persone bloccate sotto le macerie a seguito del terremoto di magnitudo 7.0 che ha colpito il Mar Egeo venerdì scorso. Il bilancio, finora, è di almeno 100 morti e circa un migliaio di feriti. Esso, tuttavia, sembra essere destinato a salire. I soccorritori, intanto, compiono di ora in ora dei veri e propri miracoli. Ieri una bimba di appena 3 anni, Elif Perincek, è stata estratta dalle macerie di una delle abitazioni crollate a Smirne. La foto della piccola stesa su una barella, lievemente ferita, che stringe forte il dito di uno dei suoi soccorritori è diventata un simbolo di speranza. La stessa fortunata sorte, a quasi quattro giorni dal sisma, è toccata a Ayda Gezgin, di 4 anni. La bambina, dopo avere trascorso 91 ore sotto le macerie, è perfettamente sana.

Per approfondire:

Il ritrovamento di Ayda Gezgin dopo il sisma in Turchia

Le ultime due persone ritrovate vive (su un totale di 107) sotto le macerie delle venti abitazioni crollate a Smirne, in Turchia, a causa del terremoto sono due bambine accomunate dalla medesima sorte. Un simbolo di speranza per tutti coloro che hanno i propri cari ancora bloccati tra i detriti, con la vita appesa ad un filo. Dopo Elif Perincek, 3 anni, anche Ayda Gezgin, 4 anni, potrà definirsi una sopravvissuta. La bambina ha trascorso quasi quattro giorni (91 ore, per la precisione) nella sua casa del distretto di Bayrakli ormai ridotta in polvere e detriti.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

sisma turchia
La piccola Ayda attorniata ai suoi soccorritori dopo essere stata recuperata dalle macerie – meteoweek.com

Un vero e proprio miracolo, lo definiscono i media locali. Soprattutto per il fatto che la piccola è illesa. Gli operatori sanitari hanno provveduto a portarla in ospedale per degli accertamenti. I medici non hanno riscontrato seri danni. Fin dai primi istanti del ritrovamento si la bambina si era mostrata vigile e aveva parlato con i soccorritori. “Dov’è mio padre?”, è stata la prima frase che ha detto.