Donna muore per Covid, la figlia: “Ecco cosa mi restituiscono di lei. Chi nega possa sentire rumore del cuore in frantumi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13

Donna muore per Covid, la figlia: “Ecco cosa mi restituiscono di lei. Chi nega possa sentire rumore del cuore in frantumi”

Donna muore per Covid, la figlia: “Ecco cosa mi restituiscono di lei”-Meteoweek.com

La madre della giornalista Moira Perruso è morta qualche giorno fa a causa del Covid, e la donna in un post ha voluto esprimere tutto il suo dolore. “Ai miei piedi“, scrive Perruso su Fb, “ciò che mi restituiscono di mia madre (un sacchetto rosso contenente i vestiti della madre che non è possibile aprire poiché infetto, ndr). Non posso nemmeno buttarmi a capofitto su quegli abiti per sentire ancora una volta il suo odore, sono infetti… Per chi nega, per chi specula, per chi non ha protetto: che possiate sentire anche voi il rumore del cuore in frantumi”. 

La madre di Moira, 83enne, abitava a Buccinasco (Milano). Non si sa ancora come la donna si sia contagiata. “Ha iniziato ad avere dei dolori allo stomaco, tant’è vero che pensavamo si trattasse di un problema intestinale“, spiega Perruso. Durante il ricovero faceva fatica a respirare: “Le avevano messo il casco Cpap, ma lo scorso sabato ci avevano chiamato per comunicarci che l’avrebbero dimessa presto perché la saturazione era buona». Purtroppo, però, la situazione è peggiorata dall’11 novembre scorso.

Leggi anche:—>Esce di casa per una scalata ma non torna: 44enne trovato morto in parete

Leggi anche:—>Mafia: maxi operazione a Foggia: decine di arresti nel capoluogo

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

In un successivo post, Moira parla così della sua mamma: “La voce narrante della mia vita è morta. Colei che sapeva leggere il mio cuore è andata via. Il Covid si è preso il mio mondo, l’amore assoluto della mia vita. Nelle sue mani ero traslucente: ancora prima di dire lei vedeva, sapeva. Mamma mia, caro amore, se solo avessi saputo che stavamo facendo tutto per l’ultima volta ti avrei detto, ancora, ti amo”. Il sacchetto è giunto a Moira dal Policlinici di San Donato Milanese, dove sua madre era in degenza.