“Sto Covid è proprio un buon affare”: sequestrata ditta di sanificazioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:43

“Sto Covid è proprio un buon affare”: sequestrata ditta di sanificazioni. 4 indagati dalla Guardia di Finanza di Rimini

Società sanificazioni sequestrata-Meteoweek.com

“Sto Covid è stato proprio un buon affare“. È questa una delle affermazioni intercettate dalla Guardia di Finanza di Rimini e detta dal gestore di una ditta di sanificazioni anti Covid-19. Il titolare è indagato con altri 3 con l’accusa di intestazione fittizia.

Dalle indagini è emerso che, nonostante fosse intestata a un’ altra persona, l’azienda era ricollegabile a S. Emolo di Napoli, che a detta degli inquirenti risulta già implicato, nel 2014, nell’operazione anti-droga “Drugstore”, di cui si erano occupati gli stessi finanzieri di Rimini. Nel 2016, Emolo fu sottoposto a misura di prevenzione personale di sorveglianza speciale. Il fratello, inoltre, era considerato membro del clan camorristico Di Lauro.

Leggi anche:—>Docente depressa spara a figli di 15 e 7 anni: sue condizioni peggiorate dopo lockdown

Leggi anche:—>Donna anziana positiva in fuga da Rsa: Non avvicinatevi a lei

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Durante il primo lockdown, la sua ditta di sanificazioni che aveva sede a Pesaro e intestata a un prestanome aveva fatto boom di  fatturati, al che erano partiti i controlli, controlli che hanno portato i militari a un sequestro preventivo. Risultato, ditta sequestrata,  4 indagati a vario titolo per intestazione fittizia (tra cui il gestore stesso), e parecchie perquisizioni eseguite a Pesaro, Rimini e Trento.

L’impresa di sanificazioni di Pesaro, secondo quanto riportato, avrebbe avuto come clienti bar, ristoranti e hotel che dopo il lockdown necessitavano di sanificazione anti Covid dei locali per riaprire. Era soprattutto l’indagato intercettato a rilasciare certificazioni e fatture grazie all’impresa che intestata a prestanome.