Gabriel, travolto da auto pirata. Una maestra: “Sono stata io, non mi ero accorta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:12

Gabriel Ismailaj, 18 anni, è stato travolto da un’auto pirata sabato scorso a Roma. La conducente è fuggita, ma a distanza di giorni si è costituita alle autorità. È una maestra.

Gabriel Ismailaj
Gabriel Ismailaj, 18 anni, travolto nella galleria Giovanni XXIII a Roma – meteoweek.com

Gabriel Ismailaj sta lottando tra la vita e la morte. Sabato scorso è stato travolto, mentre era alla guida del suo scooter, nella galleria Giovanni XXIII di Roma. La conducente alla guida della Fiat Cinquecento coinvolta nell’incidente è fuggita a seguito dell’impatto. Soltanto ieri, dopo i numerosi appelli della famiglia, si è costituita. La sua versione dei fatti, rilasciata in Caserma, tuttavia, non convince gli inquirenti, che stanno indagando per capirne di più. Gli amici di Gabbo, intanto, si sono stretti a lui nella speranza di ricevere buone notizie.

L’incidente tra lo scooter di Gabriel Ismailaj e la 500

L’incidente è avvenuto sabato 14 novembre. Erano le 21.45, poco prima che scattasse il coprifuoco a Roma. Gabriel Ismailaj stava a tornando a casa, nella zona di via Mattia Battistini, dove vive insieme ai genitori e alla sorella più piccola. Aveva trascorso la serata in compagnia di due amici. Mentre era alla guida del suo Kymco Agility, nella galleria Giovanni XXIII in direzione Trionfale, una Fiat Cinquecento lo ha travolto. Il suo scooter si è disintegrato e il diciottenne ha battuto la testa. La conducente dell’auto è fuggita, senza prestare soccorso. A chiamare i soccorsi coloro che sono passati pochi istanti dopo dal luogo dell’incidente.

Subito la corsa al pronto soccorso del Gemelli. In ospedale è stato già sottoposto a due interventi chirurgici alla testa. Intanto i genitori e gli amici, preoccupati del mancato ritorno, sono venuti a conoscenza della tragica notizia. Gabriel Ismailaj si trova attualmente nel reparto di terapia intensiva e le sue condizioni sono disperate. Si sta aggrappando alla vita con tutte le sue forze. Gli amici, ex compagni del liceo Mamiani e colleghi della facoltà di Scienze Politiche, in questi giorni hanno organizzato diversi eventi per manifestargli, a distanza, il loro affetto.

Gabriel Ismailaj
La galleria Giovanni XXIII di Roma, in cui Gabriel Ismailaj è stato travolto – meteoweek.com

La confessione della maestra

La famiglia di Gabriel Ismailaj, nei giorni scorsi, ha rivolto diversi appelli sui social network al conducente dell’auto affinché si costituisse o ad eventuali testimoni affinché rivelassero qualche dettaglio utile ad individuarlo. Ieri il colpevole si è presentato spontaneamente in Caserma. Alla guida della Fiat Cinquecento rossa che ha travolto il diciottenne c’era una maestra di asilo. Ha 24 anni ed è originaria Rignano Flaminio.

Sono io quella che cercate. Ho sentito una botta ma non ho capito di aver investito qualcuno. Me ne sono resa conto solo ieri guardando Internet“, avrebbe detto la donna ai Carabinieri.


Leggi anche:


La versione, tuttavia, non convince gli inquirenti. Le forze dell’ordine stanno visionando le immagini delle telecamere con attenzione. Sia i resti del motorino che l’auto sono stati sequestrati. Su di essi si stanno effettuando i dovuti rilievi. La donna sarà sottoposta a più interrogatori al fine di fare chiarezza sui punti oscuri della vicenda. È impossibile, infatti, che la giovane maestra d’asilo non si sia accorta del violento urto con lo scooter del diciottenne. Nell’impatto sia pezzi dello scooter che pezzi della Cinquecento rossa sono volati sull’asfalto della galleria. Lì è stato ritrovato anche un fanale. Impensabile che non siano stati notati dalla conducente nel tragitto.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Per queste ragioni uno dei dubbi delle forze dell’ordine riguarda la possibilità che alla guida della vettura, al momento dell’incidente, non ci fosse davvero la ventiquattrenne. La donna, ad ogni modo, in attesa di ulteriori indagini, è accusata di lesioni stradali gravissime, omissione di soccorso e fuga.