Nuovo Dpcm per Natale? Cosa cambia per negozi, sport e ristoranti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:14

Nel nuovo Dpcm potrebbe esserci l’apertura dei negozi dalle 9 alle 22. L’obiettivo principale è la riapertura di bar e ristoranti. Possibile proroga del coprifuoco alle 23 o alle 24. Restano gli stop agli spostamenti in zona rossa o arancione.

negozi chiusi dpcm meteoweek
I negozi potrebbero veder allungare gli orari di apertura – meteoweek.com

L’Italia si avvicina a una nuova data cruciale per quelle che sono le norme in vigore in ottica Covid. È quella di venerdì 27 novembre. Sette giorni per capire se ci saranno i presupposti per una eventuale riduzione delle restrizioni, con un nuovo Dpcm che potrebbe essere messo nero su bianco, e in seguito applicato in vista di un periodo molto importante per gli italiani. Le festività di Natale e di fine anno si avvicinano, pertanto il Governo sta valutando la possibilità di allentare un po’ la pressione. In particolare per quelle categorie che proprio a Natale hanno maggiore bisogno di lavorare.

Per questo motivo il nuovo Dpcm – che farà leva sull’evoluzione della diffusione del virus nel nostro Paese – apporterà alcune modifiche alle restrizioni attualmente in vigore. Soprattutto per i negozi, che potrebbero ritoccare al rialzo il proprio orario di apertura. Ma anche per il campo della ristorazione, finora costretto a operare soltanto attraverso la consegna a domicilio e il ritiro dei pasti in loco. Il mese di dicembre potrebbe essere quello in cui bar, ristoranti, pizzerie e altri locali potranno riaprire al pubblico, seppur con le già note restrizioni.

Dpcm benevolo con la ristorazione

Come abbiamo già accennato, il Dpcm che il premier Conte e il Consiglio dei Ministri stanno valutando dovrebbe dare una grande mano al settore della ristorazione. Uno degli obiettivi principali è proprio il ritorno a una parvenza di normalità per i bar, i ristoranti, le pasticcerie, le pizzerie e i pub. Tutti locali che possono attualmente operare attraverso due modalità di vendita, ovvero la consegna a domicilio e l’asporto. Il Governo sta valutando una serie di restrizioni e di modalità di gestione dei locali aperti, per consentire un ritorno alla normalità per il mese di dicembre.

I ristoranti potranno riaprire, seppur con alcune restrizioni – meteoweek.com

E dunque con il nuovo decreto, che attualmente è solo una serie di idee, dovrebbero riaprire i locali del settore della ristorazione. Apriranno con alcune restrizioni, come la presenza di non più di quattro persone allo stesso tavolo e l’obbligo di indossare la mascherina sia dentro che nelle zone circostanti al locale che si sta frequentando. E per il momento resterebbero vietate le feste nei locali pubblici, oltre che in casa. In quest’ultimo caso, però, non essendo possibile fare controlli approfonditi si giocherà più sulle raccomandazione che sulle restrizioni.

Leggi anche -> Natale al tempo del Covid: uno sguardo alle feste nelle città europee

Leggi anche -> Covid, perché alcune persone si ammalano gravemente? Scoperta la causa

Negozi aperti più a lungo

Cambia la situazione anche per le altre attività commerciali. I cittadini potrebbero avere più tempo, grazie al nuovo Dpcm, per effettuare i propri acquisti. Lo aveva già accennato il sottosegretario alla salute, Sandra Zampa: “È evidente che senza un buon risultato consolidato non cambierà nulla. Ma se la tendenza di questi giorni sarà confermata si può pensare all’orario lungo dei negozi fino alle 22, utile sia ai commercianti sia ai cittadini che avrebbero maggiori possibilità di uscire senza rischio di creare assembramenti“. Le novità? Apertura dalle 9 alle 22.

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Novità anche per quanto riguarda il coprifuoco, che resterà in vigore ma in maniera più soft. Si studia infatti il piano per spostare l’orario di applicazione del provvedimento, dalle attuali 22 alle 23 o addirittura fino a mezzanotte. Resteranno chiuse, invece, le palestre e i circoli sportivi privati, in quanto lo sport di contatto a livello amatoriale resterà vietato. Capitolo zone rosse: il nuovo Dpcm non cambierà i parametri attualmente in vigore per il loro stabilimento. Al tempo stesso potrebbero esserci alcune regioni che scenderanno dalla rossa alla arancione, o dalla arancione alla gialla.